il network

Sabato 15 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Commercio, violini e il Genovesino per le vetrine vuote

Anche le opere del Laboratorio del cotto nei negozi sfitti. Iniziativa per animare o per nascondere gli spazi vuoti?

Vetrine

CREMONA - Come faccio a valorizzare le vetrine vuote? Quei buchi neri del commercio che sono il segno evidente di una città che muore? Beh, animandole, rigenerandole o coprendole con vetrofanie, approvate dalla commissione paesaggio — quelle in corso Mazzini — oppure con gigantografie che promuovono la mostra del Genovesino, a palazzo Affaitati. Altre vetrine sfitte sono state occupate da manufatti realizzati dal laboratorio del cotto, come qualche tempo fa si era pensato di trasformare negozi desolatamente vuoti in improvvisate gallerie d’arte, con opere di pittori e scultori locali. E mentre le luminarie natalizie fanno festa, mentre i primi fiocchi di neve domenica 10 dicembre hanno fatto un po’ Natale, l’immagine di quelle vetrine oscurate in corso Mazzini con forme di violino e sagome del Torrazzo, ribadiscono con forza ed evidenza la crisi del commercio di prossimità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

10 Dicembre 2017