il network

Lunedì 11 Dicembre 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Canile, 'faccia a faccia' al Tar tra Comune e Zoofili sul bando

Al centro della discussione il ricorso depositato dal sodalizio contro il bando di gara predisposto dalla Municipalità per l’affido (non ancora assegnato) della struttura di via Casello al quale ha partecipato la sola Anpana: decisione attesa per la prossima settimana

Canile

CREMONA - Il Comune e l’Associazione Zoofili Cremonesi di nuovo ‘faccia a faccia’, questa mattina (7 dicembre), al Tar di Brescia. Ennesima puntata nella storia infinita dell’affidamento della gestione del canile. Confronto appena terminato: davanti al giudice del tribunale amministrativo regionale, con l’ente rappresentato dall’avvocato Enrico Cistriani e gli interessi del gruppo difesi dal legale Paola Brambilla, si è discusso dell’ultimo — in ordine di tempo — ricorso depositato dal sodalizio. Quello contro il bando di gara predisposto di recente dalla Municipalità per l’affido — non ancora assegnato — della struttura di via Casello, bando al quale ha partecipato la sola Anpana, che come noto già si occupa in convenzione dei cani, ricevendoli a ‘La Cuccia e il Nido’ di Calvatone.

Le parti si sono confrontate esprimendo le proprie istanze e il giudice si è riservato la decisione, che dovrebbe comunque essere presa entro la prossima settimana.

Intanto, il servizio resta ovviamente in capo ad Anpana, che lo sta garantendo in base alla proroga che scadrà il 31 dicembre. E proprio in relazione a quell’intesa, nel corso della stessa udienza del giovedì mattina, l’avvocato Brambilla, per conto degli Zoofili, ha comunicato la ‘rinuncia’ al ricorso precedente, proprio quello avanzato a contestazione dell’affidamento ad Anpana che scadrà a fine mese. Il risultato, vista la mossa in fondo neppure troppo a sorpresa compiuta dai ricorrenti, è che, dopo una lunga ‘guerra’ combattuta da mesi a carte bollate, la sola pendenza rimasta è proprio quella sul bando.

07 Dicembre 2017