il network

Sabato 22 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Secchiate di fango al 'Violino', condanna confermata ad Azzali

L’anarco-insurrezionalista del centro sociale Kavarna il 17 gennaio scorso era stato condannato dal giudice di pace a cinque mesi di lavori di pubblica utilità

Secchiate di fango al 'Violino',  condanna confermata ad Azzali

CREMONA - Il giudice del processo d’appello, Giulia Masci, stamane 4 dicembre 2017 ha confermato la sentenza a cinque mesi di lavoro di pubblica utilità per imbrattamento e lesioni emessa il 19 gennaio scorso dal giudice di pace nei confronti di Alessandro Francesco Azzali, 28 anni, esponente del Kavarna. La sera del 25 settembre del 2013, con i complici incappucciati come lui, rimasti ignoti, fece un blitz all’interno del ristorante Il Violino, in via Sicardo, e lanciò secchi pieni di fango misto a feci contro le pareti, le tovaglie e sui clienti. Il ristoratore Luca Babbini lo rincorse e rimediò calci e pugni. E’ stata inoltre confermato il risarcimento del danno — una provvisionale di 5mila euro — a Babbini, parte civile con l’avvocato Michela Soldi.
Durante il blitz, i disobbedienti lasciarono dei volantini, contenenti il motivo della protesta contro «i ricchi che mangiano e ingrassano a dismisura» , contro il sovraffollamento delle carceri e dichiarandosi solidali con «i segregati di Stato che combattono anche attraverso lo sciopero della fame e del carrello in alcune carceri anche in quella di Cremona».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

04 Dicembre 2017