il network

Venerdì 21 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


DIOCESI DI CREMONA

Messaggio del vescovo Napolioni per l’Avvento di fraternità 2017

Quest'anno la Chiesa Cremonese dedica il tempo liturgico che precede il Natale all’approfondimento della propria missionarietà

Messaggio del vescovo Napolioni per l’Avvento di fraternità 2017

Il vescovo Antonio Napolioni in Cattedrale

CREMONA - Il vescono Antonio Napolioni ha inviato alla Diocesi di Cremona il Messaggio per l’Avvento di fraternità 2017.

"Se ogni anno dedichiamo l’Avvento di fraternità anche alla solidarietà nei confronti di comunità ecclesiali in situazioni di povertà, a maggior ragione quest’anno – che la Chiesa Cremonese dedica all’approfondimento della propria missionarietà – dobbiamo essere a fianco dei nostri missionari “ad gentes”, ossia inviati in paesi più o meno lontani per annunciare il Vangelo e condividere il cammino di popoli diversi.

La generosa tradizione missionaria della nostra diocesi non può spegnersi, pena l’inaridimento della nostra stessa esperienza cristiana. Non si può non essere missionari, ovunque.

Nei prossimi mesi rifletteremo attentamente su come poter rilanciare questa dimensione costitutiva della nostra vita. Intanto, impegniamoci a conoscere i sacerdoti, i religiosi e le religiose, ed i laici che ci “rappresentano” presso le Chiese sorelle.

L’Avvento 2017, in particolare, chiama a solidarietà concreta verso i preti diocesani che ancora sono attivi in alcuni contesti specifici: don Ezio, don Emilio e don Giancarlo in Brasile, don Livio in Kazakistan, don Giovanni in Albania. L’Ufficio missionario ci farà conoscere storie e progetti.

Tutti portiamoli nella nostra preghiera e nel frutto delle scelte di sobrietà che devono prepararci al Natale di Gesù".

+ Antonio, vescovo

29 Novembre 2017

Commenti all'articolo

  • sergio

    2017/11/30 - 09:09

    Meraviglioso frutto della visita estiva del vescovo. La dimensione missionaria è essenziale per definirsi Chiesa. Grazie Vescovo Antonio che ce lo ricordi, a noi troppo spesso concentrati sul nostro ombelico locale.

    Rispondi