il network

Martedì 11 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA. L'INIZIATIVA

'Un calcio alla follia': la questura ricorda Filippo Raciti

Quadrangolare mercoledì 29 con gli studenti cremonesi e convegno giovedì 30 con Marisa Grasso vedova dell’ispettore di polizia morto nel 2007, durante gli scontri dopo la partita Catania-Palermo

'Un calcio alla follia' la questura ricorda Filippo Raciti

Filippo Raciti

CREMONA - Filippo Raciti, ispettore capo della polizia di Stato, il 2 febbraio del 2007 aveva 40 anni quando è morto in servizio, a causa degli incidenti scatenati da una frangia di ultras catanesi dopo Catania-Palermo. A Raciti la questura di Cremona dedica due giornate di sport, incontri e riflessioni. L’iniziativa avrà come ospite Marisa Grasso, vedova dell’ispettore, che porterà la sua testimonianza nel segno dei valori civili e sportivi, dell’impegno, della dedizione e anche del sacrificio del convivere con una tragedia così grande. Il programma organizzato dalla questura (con la collaborazione di Fondazione Arvedi-Buschini e Us Cremonese e con il patrocinio del Comune) comincia mercoledì 29 con il quadrangolare ‘Un calcio alla follia’, primo memorial Filippo Raciti, presso il centro Arvedi dalle 9,30 alle 12: coinvolti gli studenti. Si affronteranno infatti le selezioni di liceo Vida-Pacioli e Torriani-Galilei. A seguire, le finali. Durante le premiazioni interverranno, insieme al questore Gaetano Bonaccorso, Marisa Grasso e Oreste Perri, presidente Coni Lombardia.
Giovedì 30 il convegno in sala Maffei. Tema: ‘Rispetta le regole per diventare un campione — Lo sport raccontato dai campioni per imparare a vivere e non a vincere’. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

23 Novembre 2017