il network

Lunedì 11 Dicembre 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Renzi colpito dal Museo del Violino: 'Unico nel suo genere'

Accolto in stazione come una star da un centinaio si persone tra selfie, autografi e isolate contestazioni

Renzi è arrivato a Cremona, bagno di folla e selfie

CREMONA - "Unico nel suo genere, mi ha lasciato senza parole". Matteo Renzi si è espresso in questi termini parlando del Museo del Violino, durante la visita a Palazzo dell'Arte, nell'ambito di 'Destinazione Italia', il tour che l'ex premier sta facendo in tutto il Paese e che venerdì 17 novembre ha fatto tappa a Cremona.

Il segretario nazionale del PD è giunto puntuale in stazione alle 17.15 con il treno del Partito Democratico. Accolto come una star da un centinaio di persone tra selfie, autografi e isolati contestatori, Renzi si è poi diretto verso il centro cittadino. Al Museo del Violino ha incontrato alcuni rappresentanti del mondo della cultura cremonese. "Ho esperienza di città legate ai beni culturali e non ho mai visto niente del genere - ha detto Renzi camminando per le sale dell'Mdv - toglie il respiro. E' digitalizzato, didattico e realizzato in modo straordinario". Il segretario del Pd è entrato anche nell'Auditorium e ha potuto ascoltare il suono di una chitarra Stradivari e un violino Amati. Al termine della visita si è soffermato a parlare con i giornalisti e alle 18.30 è ritornato in stazione per continuare il suo viaggio verso Mantova.

Un viaggio che ha tenuto Renzi lontano dalle questioni politiche nazionali, almeno in apparenza: la sua scelta esplicita, confermata anche a Cremona, è stata quella di non intervenire, in questi giorni seguiti alla direzione del partito, sui temi delle alleanze e dell’agenda parlamentare di fine legislatura.

Dal punto di vista mediatico, dunque, si tratta di un tour low profile, con qualche eccezione per la stampa locale. In ogni stazione - insieme ad alcune contestazioni, come quelle dei risparmiatori veneti o dei 5 stelle di Parma, ma molto più contenute all'ombra del Torrazzo - Renzi ha trovato ad attenderlo gruppi di sostenitori e militanti: chi lo ha incitato a non rompere la famiglia progressista, chi invece a lasciare perdere quelli che se ne sono andati dal Pd. A loro è arrivata sempre una risposta di circostanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

17 Novembre 2017

Commenti all'articolo

  • dario

    2017/11/19 - 16:04

    Cremona, l'unica fermata dove il Bomba non sia stato accolto da una salva di fischi. Cari cremonesi, ognuno e artefice del proprio destino. Niente auguri

    Rispondi

  • dario

    2017/11/19 - 16:04

    Cremona, l'unica fermata dove il Bomba non sia stato accolto da una salva di fischi. Cari cremonesi, ognuno e artefice del proprio destino. Niente auguri

    Rispondi

  • koglione

    2017/11/18 - 16:04

    dal titolo ho pensato che gli fosse crollato il museo in testa.

    Rispondi

  • Andrea

    2017/11/17 - 21:09

    Fonzi a Cremona....un evento da ricordare....

    Rispondi

  • maurizio

    2017/11/17 - 18:06

    Ovviamente il soldi per affittare il treno è stato pagato con i soldi di noi poveri contribuenti mi auguro che la gente rinsavisca .

    Rispondi

Mostra più commenti