il network

Sabato 22 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Strada Sud, "assessori con memoria corta"

Le argomentazioni di Federico Fasani consigliere comunale di minoranza: strumentalizzazione delle tematiche ambientali

Strada Sud, "assessori con memoria corta"

Traffico in via Giordano a Cremona

CREMONA - "E poi si scopre che nel 2008 sia l'attuale assessore Virgilio che l'attuale Assessore Manfredini A. (all'epoca erano consiglieri comunali) votarono in consiglio comunale a favore del progetto strada sud. Ma non è tutto. L'attuale vice sindaco, che si è recentemente lanciata nella difesa dello stralcio del progetto dal piano, era addirittura assessore.
Sicuramente si difenderanno dicendo che sono mutate le condizioni e cercheranno di sfuggire all'evidente cortocircuito con giochi di parole e riflessioni oniriche su ambiente e natura ma sta di fatto che se è vero che un cambiamento nel frattempo c'è stato, è stato in peggio. Le auto sono sempre troppe e in tre anni e mezzo di governo della giunta Galimberti non si è visto proprio nulla di utile per risolvere il problema". A parlare così è Federico Fasani consigliere comunale di minoranza.

"La cosa più fastidiosa però, peggio dell'incoerenza, è l'ipocrisia sulla strumentalizzazione delle tematiche ambientali. Parlano di cementificazione in riferimento alla strada sud e contemporaneamente approvano una variante che riguarda una logistica di 60.000mq in via Mantova dove oggi è campagna agricola e dove il piano prevedeva attrezzature per sport, verde e tempo libero. Forse ai paladini dell'ambiente sfugge che il sedime complessivo della strada sud è di circa 30.000 mq (la metà del parcheggione) ma in quel caso la considerano cementificazione e il valore ambientale dei 60.000 mq di campagna demolita non esistono. Sfugge anche che praticamente la strada sud esiste già per il 50% perché è una strada a due corsie che ricalca o rettifica porzioni di strade esistenti e scorre a 150 metri dalle case in un percorso “in trincea”, mitigato con aree boscate.
Ma il vero calo di attenzione ce l'hanno quando parlano di dati sui flussi di traffico. L'Assessore Manfredini fa sapere attraverso facebook che ha recentemente “trovato” lo studio sui flussi del 2012; era "impolverato" nell'ufficio di un dirigente del Comune di Cremona (cioè dove doveva essere), mentre il consigliere Burgazzi sostiene che l'Amministrazione precedente lo aveva addirittura imboscato. Peccato che il consigliere, sempre di maggioranza, Bonali ha dichiarato nell'ultima seduta del comitato di quartiere di via giordano che conosce da tempo lo studio e lo ha letto bene. Qualcosa non torna! Sarà stato Bonali a nascondere lo studio alla Manfredini? (è una battuta ovviamente, lo dico prima che a qualche democratico venga voglia di tentare di querelarmi come è già successo in passato con risultati scadenti). Comunque Bonali non ha fatto fatica perché lo studio è pubblicato dal 2013 sia sul PGT che nel Progetto Definitivo della strada Sud e l'unica a non averlo visto è
l'Assessore al Traffico del Comune di Cremona che è lì da tre anni e rotti. Tuttavia le strumentalizzazioni continuano con la minaccia di “avanzata della città” verso sud. Come se non fosse possibile prevedere una destinazione a parco agricolo. Ma anche qui la memoria di qualcuno è poca. Si dimenticano che mentre la precedente amministrazione Perri approvava il piano di lottizzazione di via primo maggio le truppe cammellate dei democraticissimi parlavano di cementificazione selvaggia; risultao? 100.000mq di parco pubblico e messa a dimora di 10.000 alberi, in pratica la dimostrazione che quando si vuole vincolare a verde un'area, si può.
Ma adesso avrei qualche domanda. I nostri ammonistratori “green” hanno calcolato quante macchine porterà il nuovo supermercato dell'area snum in via Giordano? Dovrebbero avere qualche idea in proposito visto che in tre anni e mezzo hanno aperto tre supermercati in barba alle promesse elettorali? Come mai non condividono i dati sul traffico indotto da queste strutture? Hanno predisposto uno studio accurato?
Non risponderanno. Da buoni democratici continueranno a prendersela con il referendum, chiusi nella loro autoreferenzialità. Parleranno dello stralcio come di una promessa elettorale (come la chiusura del termovalorizzatore d'altronde) e cercheranno con ogni mezzo di evitare il confronto sul tema perché quando non conosci un argomento o hai la coda di paglia ti conviene non parlarne. Ma i Cremonesi non hanno le fette di salame sugli occhi e soprattutto hanno tempo per rendersi conto definitivamente di chi li sta governando".

CLICCA QUI: https://www.comune.cremona.it/node/425627       

https://www.comune.cremona.it/attiamministrativi/188960/raccolta/-1302754/testo.pdf

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

06 Novembre 2017

Commenti all'articolo

  • gianfranco

    2017/11/06 - 21:09

    la politica dimostra ogni giorno sempre di più che al peggio non c'è mai limite, come se non ce ne fossimo accorti siamo già in campagna elettorale anticipata, solo che i personaggi che gridano sono quelli che hanno governato la città per cinque anni e l' unica cosa positiva che hanno fatto è stata quella di togliere la pensilina in piazza, per poi lasciarla abbandonata a se stessa, per il resto hanno fatto meno di niente,e non per colpa di perri, ma di tutta l'armata brancaleone che gli girava intorno non si sono mai chiesti perchè i cremonesi alle elezioni li hanno fatti correre. se volevano fare hanno avuto tutto il tempo, per dimostrarlo.

    Rispondi

  • Andrea

    2017/11/06 - 17:05

    Siamo amministrati da dilettanti certificati....i fatti lo dimostrano....

    Rispondi