il network

Lunedì 24 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Smog, nel 2020 emissioni ridotte del 64 per cento

E' la stima di abbattimento delle polveri sottili: proiezione sulla base di uno studio che valuta l'efficacia del piano regionale

Smog, nel 2020 emissioni ridotte del 64 per cento

CREMONA - Sabato da mascherina, con una concentrazione di veleni nell’aria da bollino rosso: a dispetto del limite di allarme fissato a 50 microgrammi al metro cubo, infatti, la concentrazione di polveri sottili è stata rilevata a 113 microgrammi al metro cubo alle centraline Arpa di piazza Cadorna e di Spinadesco e a 104 a quella di via Fatebenefratelli. Ma domenica 5 novembre è piovuto e, stando almeno alle previsioni, sarà maltempo anche nelle prossime ore. Con il risultato che l’emergenza smog dovrebbe, almeno temporaneamente, essere archiviata. Eppure, contrariamente alla percezione comune, non è solo alle condizioni atmosferiche favorevoli alla dispersione degli inquinanti che la Lombardia può affidarsi. L’attuazione delle misure previste dal piano regionale degli interventi per la qualità dell’aria, infatti, ha sortito effetti positivi, portando, nel triennio di attuazione del piano, ad una importante riduzione delle emissioni nocive in atmosfera: emerge dalla relazione di monitoraggio — comprensiva di tutti e tre i livelli previsti, ossia monitoraggio di realizzazione, di risultato e di impatto — del ‘Pria’ approvata nei giorni scorsi dalla giunta regionale. E nello specifico, lo studio attesta come l’attuazione delle misure di contrasto abbia determinato una riduzione di 2.262 t/anno per il Pm10 (le polveri sottili), di 15.794 t/anno per il NO2 (il diossido di azoto), di 4.136 per il parametro Cov (composti organici volatili) e di 6.256 t/anno per l’NH3 (ammoniaca). Valori che, rapportati alla riduzione delle emissioni prevista dal Pria al 2020, rappresentano una riduzione del 64 per cento per il Pm10, del 69 per cento per NO2, del 57 per cento per Cov e del 50 per cento per NH3. Con il risultato che le emissioni ‘risparmiate’ dall’attuazione del Pria nel triennio rispetto alle emissioni totali regionali rappresentano il 12 per cento per il Pm10, il 13 per cento per NO2, lo 0.5 per cento per COV e l’1 per cento per NH3.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

05 Novembre 2017