il network

Martedì 20 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

"Ciao Romolo, ora aggiusti le ali agli angeli"

Resta il mistero dell'uomo con gli occhiali scuri

"Ciao Romolo, ora aggiusti le ali agli angeli"

Romolo Crotti

CREMONA - ‘Cremona ti onora’: esibito dai tifosi grigiorossi in curva sud prima del ‘derby’ contro il Brescia, lo striscione in memoria di Romolo Crotti ora è appeso al muro della cascina in cui ha vissuto e in cui è stato trovato in fin di vita al Boschetto. Accanto al grande lenzuolo, fiori e lumini. E, attaccata con il nastro adesivo sul vetro dell’annuncio funebre, c’è anche la letterina di una bimba e la sua fotografia insieme a Romolo: «Io penso — si legge nel bigliettino — che in Paradiso ci fossero troppi angeli infortunati o con le ali malandate. Tanti che il Signore non riusciva più a guarirli da solo. Allora ha pensato di chiamare a sé uno degli uomini più bravi sulla terra per avere un aiuto. E Romolo adesso è là, vicino a Nostro Signore, per permettere agli angeli di continuare a volare».

Intanto, sul fronte delle indagini si attendono i risultati del sopralluogo effettuato dalla Scientifica. E si cerca di fare chiarezza sull’uomo con gli occhiali scuri. La sua presenza in cascina è stata riferita dai nipoti, ai quali è stata raccontata da Romolo: «Una sera un personaggio ha bussato alla finestra della cucina. Una finestra senza tende, dalla quale si vede l’interno della casa. Nonostante fosse buio, quel personaggio aveva gli occhiali scuri. Al nonno ha detto che voleva portare Carla Fracci (a Cremona il 30 settembre, ndr), poi non si è più visto». Romolo è stato trovato in coma, colpito da un’ischemia, ed è poi morto in ospedale. Ma secondo i nipoti, in casa mancava il portafoglio con la pensione ritirata da poco. E i soldi che teneva in tasca. La porta sul retro era aperta, il cancello chiuso con un lucchetto diverso da quello usato di solito. «Romolo — spiegano i nipoti tramite il loro legale, Elena Monticelli — certamente ha avuto una emorragia spontanea, ma potrebbe essersi spaventato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

26 Ottobre 2017