il network

Giovedì 15 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Smog, da martedì 17 ottobre scatta il primo livello delle misure temporanee

Smog, da martedì 17 ottobre scatta il primo livello delle misure temporanee

CREMONA - Scatta da martedì 17 ottobre, il primo livello delle limitazioni, così come previsto dalla Regione, per il contrasto all'inquinamento atmosferico. In base alle nuove disposizioni, la verifica per stabilire l'attivazione viene effettuata il lunedì e il giovedì (giornate di controllo) sui quattro giorni antecedenti da ARPA Lombardia. Le misure temporanee vanno attivate entro il giorno successivo a quello di controllo, dunque martedì, e restano in vigore fino al giorno di controllo successivo, pertanto giovedì. Nella giornata di oggi è stato infatti verificato che nei 4 giorni precedenti, nella provincia di Cremona, vi è stato il superamento continuativo del limite giornaliero per il PM10 (50 microgrammi/m3). In particolare il valore di ieri, domenica 15 ottobre, è di 88.8 microgrammi/m3.

Pertanto da martedì fino a giovedì 19 ottobre, alle azioni strutturali in vigore dal 1° ottobre scorso, finalizzate alla tutela dell'aria e al contrasto allo smog, si aggiungono le limitazioni all'utilizzo delle autovetture private di classe emissiva almeno Euro 4 diesel in ambito urbano dalle 8.30 alle 18.30 e dei veicoli commerciali di classe emissiva almeno Euro 3 diesel dalle 8.30 alle 12.30 (sono mantenute le stesse deroghe ed esclusioni previste dalle limitazioni strutturali); divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a hiomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo), con prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 3 stelle; divieto assoluto, per qualsiasi tipologia (falò rituali, barbecue e fuochi d'artificio, scopo intratteniinento, etc...) di combustioni all'aperto; limite a 19°C (con tolleranza di 2°C) per le temperature medie nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali; divieto per tutti i veicoli di sostare con il motore acceso; divieto di spandimento dei liquami zootecnici; invito ai soggetti preposti a introdurre agevolazioni tariffarie sui servizi locali di trasporto pubblico; potenziamento dei controlli soprattutto per quanto riguarda la circolazione veicolare, l'utilizzo degli impianti termici a biomassa legnosa, le combustioni all'aperto e lo spandimento dei liquami.

Nel frattempo si stanno posizionando gli avvisi delle ulteriori limitazioni nei seguenti punti: corso Matteotti – piazza Libertà; piazza IV Novembre – corso Vacchelli; via del Giordano – via di Porta Mosa; via del Giordano – largo Pagliari; via del Giordano – via Altobello Melone; corso Garibaldi – piazza Risorgimento; corso Vittorio Emanuele II – piazza Cadorna; via Spalato – via Massarotti; via Cavalieri di Vittorio Veneto – via Ghinaglia; viale Trento e Trieste – via Aselli; viale Trento e Trieste – via Geromini; via Castelleone – via S. Francesco; via Brescia – via Nazario Sauro; via Milano – via Sesto; via Persico – via Gallazzi; via Mantova – via Cappuccini – via Pippia; via Boschetto – via Cimitero; via Postumia – viale Concordia; via Portinari del Po – largo Moreni; via Monviso – via Trebbia.

L'Amministrazione comunale invita a non accendere gli impianti termici e a limitare gli spostamenti in auto per il tempo strettamente necessario.

16 Ottobre 2017