il network

Venerdì 20 Ottobre 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

'Luce del deserto', hanno patteggiato i cinque membri della banda

Due restano in carcere, due ai domiciliari. Pena sospesa per il quinto perché incensurato

'Luce del deserto',  hanno patteggiato i cinque membri della banda

CREMONA - Il primo furto risale al 24 febbraio del 2016, a Corte de’ Cortesi. In un’azienda agricola, la banda dei fotovoltaici ruba 300 pannelli, 100mila euro il valore. L’ultimo è del 27 ottobre successivo, a Berlingo, nel Bresciano. In mezzo, altri colpi. Nove furti aggravati, 1.480 pannelli fotovoltaici rubati, più tre inverter — 470mila euro il valore complessivo — destinati ai porti di Genova o in Spagna, caricati sulle navi per il Marocco con fatture false. Sono i numeri dell’operazione ‘Luce del deserto’ dei carabinieri, che dopo un anno di indagini, lo scorso aprile hanno arrestato la banda. Si tratta di cinque marocchini che giovedì 12 ottobre hanno patteggiato davanti al presidente Giuseppe Bersani. La pena più alta - 2 anni e 8 mesi di reclusione — è stata inflitta a El Hassan Majidi. Due anni e sei mesi di reclusione li hanno patteggiati Adil Qibbouch, Fouad El Manfalouti e Ahmed Hamadate; un anno e otto mesi a Najim El Krioui (pena sospesa, perché incensurato).
Majidi e Hamadate restano in carcere, Qibbouch ed El Manfalouti agli arresti domiciliari. Il presidente Bersani ha rigettato le richieste delle difese di revocare le misure. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

12 Ottobre 2017

Commenti all'articolo

  • la talpa

    2017/10/13 - 14:02

    La talpa Vergogna leggi italiane applicate a questi soggetti non per punirli ma per spronarli a delinquere ancora un plauso alla magistratura

    Rispondi

  • vittorio

    2017/10/13 - 08:08

    Un anno di furti aggravati , mazzo milione di refurtiva , traffico internazionale di refurtiva , falsa fatturazione , un anno di indagini delle forze dell'ordine , ma poi finalmente la mannaia pesante della magistratura si abbatte su di loro . PENA MASSIMA DUE ANNI E OTTO MESI ! MA ANDATE A CAG... !

    Rispondi

    • sergio

      2017/10/13 - 09:09

      ma sa che ho pensato la stessa cosa?! E sempre mi chiedo: ma le centinaia di migliaia di euro che hanno rubato, i danni provocati, i mancati guadagni, ecc, chi li paga? non certo i ladri che stanno in carcere a fare niente e anzi sono un costo pesante per lo Stato. Quindi? Per me è mistero (magari gli prendono un quinto dello stipendio per tutta la vita - sì, ho detto stipendio giusto per ridere)

      Rispondi