il network

Venerdì 20 Ottobre 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Piscina comunale, Ventura: "Ma l'assessore Platè cosa fa?"

Intervento del consigliere comunale (FdI) sulle ultime problematiche emerse, dallo slittamento della data di riapertura al rischio di chiusura della squadra di nuoto sincronizzato

Piscina comunale, Ventura: "Ma l'assessore Platè cosa fa?"

La piscina comunale di Cremona

CREMONA - Intervento di Marcello Ventura (Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale) sulla vicenda della piscina comunale, alla luce del rinvio della data di apertura e della paventata chiusura della squadra di nuoto sincronizzato. "E’ un po’ di tempo che non si parla della piscina comunale, ma con mio sommo dispiacere sono costretto a riprendere l’argomento. Il nuovo rapporto non è proprio cominciato nel migliore dei modi. La data prevista per la riapertura dopo la FIN è già slittata a data da definirsi. Ma quando il sopralluogo è stato fatto, Assessore e Sport Management con rispettivi tecnici cosa hanno guardato? O meglio, se hanno guardato, lo hanno fatto con un po’ troppa superficialità minimizzando i lavori da farsi. Quindi già si inizia con un disguido e con le Canottieri costrette a prolungare l’apertura delle loro piscine con conseguente aggravio di costi. Sport Management non ha accettato tutte le squadre delle Canottieri, ma solo quelle che fanno pre agonistica e agonistica. Tutte le altre sono costrette ad andare ad allenarsi nelle palestre cittadine e non, dotate di piscine. Questo dimostra che non tutto interessa a Sport Management ed è palese a questo punto la loro intenzione: stuzzicare e corteggiare atleti già formati e preparati per certi risultati pre agonistici ed agonistici. Il prossimo passo? Sarà quelli di “soffiarli” alla Canottieri come già ampiamente previsto. Ma questo non è tutto. Negli ultimi 10 anni si è formato un movimento con squadre di nuoto sincronizzato. Per la precisione erano 90 le ragazze che praticavano. Dico erano, perché questo movimento non esiste più al momento, Sport Management non è assolutamente interessata e la persona dedicata ad interlocuire con i genitori si è chiamata fuori dicendo che è di Bari e che qui non conosce nessuno che può allenare. Incredibile. Ma la cosa più tremenda è che l’Assessore Platè ha fatto più di un incontro con i genitori garantendo assolutamente l’interesse dei nuovi gestori e garantendo assolutamente la continuità. Addirittura l’ultimo incontro è stato fatto a fine settembre, non più di 15 giorni fa. Ma a questo punto mi chiedo: l’Assessore ha veramente parlato con Sport Management o ha solo cercato di tenere buoni i genitori? Se ha parlato, come mai la sua posizione è differente da quella dell’addetto di Sport Management? E’ bene che l’Assessore spieghi pubblicamente questa diversità di vedute fra quanto da lui asserito più volte e quanto detto dal nuovo gestore. Credo che lasciare a piedi 90 ragazze possa creare un danno sociale non indifferente. Lo sport è sicuramente quell’interesse che permette di stare lontano dalle strade, di non frequentare cattive compagnie ma di crescere in un ambiente sano con valori, principi e disciplina. Cosa faranno adesso queste ragazze? Calcolando che sono pre adolescenti ed adolescenti, a cosa si rivolgerà ora il loro interesse? Staranno sul divano con un I-Pad in mano tutto il giorno, bighelloneranno in strada, troveranno diversivi poco educativi nel processo di crescita per rimpiazzare le ore che prima dedicavano allo Sport? E i genitori che non avevano preoccupazioni, cosa dovranno aspettarsi ora? Forse è il caso per l’Assessore di prendere il problema di petto, e non superficialmente come troppo spesso questo Assessorato ha dimostrato. Forse vale la pena di riunire i genitori facendo veramente chiarezza e parlare con i vertici di Sport Management, non con un addetto, per risolvere veramente il problema. Come detto in apertura, il nuovo rapporto con i nuovi gestori è cominciato nel peggiore dei modi con anche il più totale disinteresse dell’Amministrazione. Cosa dovremo aspettarci prossimamente nel prosieguo del rapporto nel tempo? 25 anni di convenzione sono veramente lunghi, e se già è già successo tutto questo quasi prima di cominciare il rapporto, non oso pensare a cosa potrà succedere".

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

12 Ottobre 2017