il network

Mercoledì 19 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

'Guerra' totale fra Associazione Zoofili Cremonesi e Comune

Nelle ultime ore, l'associazione ha presentato un ulteriore ricorso al Tar contro l'ente relativamente alla proroga sino a fine ottobre della convenzione con Anpana per la custodia degli animali a Calvatone

'Guerra' totale fra Associazione Zoofili Cremonesi e Comune

CREMONA - 'Guerra' totale fra Associazione Zoofili Cremonesi e Comune: nelle ultime ore, l'associazione ha presentato un ulteriore ricorso al Tar contro l'ente, l'ennesimo. Nello specifico contro la determina, emessa il 13 settembre scorso, con cui la dirigente di settore, Mara Pesaro, prorogava sino a fine ottobre la convenzione con Anpana per la custodia degli animali a Calvatone. La Municipalità sta valutando gli atti ma è sin troppo facilmente intuibile come la scelta potrà essere una sola: resistere in giudizio. Morale: un altro scontro legale. Che arriva pochi giorni dopo la sentenza con cui la Cassazione si è espressa sulle uccisioni «per crudeltà e senza motivo» di cani e intere cucciolate, eliminati con iniezioni di Pentothal Sodium e Tanax nel Rifugio del Cane tra il 2007 e il 2009, rigettando il ricorso presentato dall’ex vice presidente dell’Associazione Zoofili Cremonesi, Cheti Nin, e delle due volontarie Elena Caccialanza e Laura Gaiardi. Confermando così, definitivamente, la condanna inflitta il 13 aprile del 2016 dalla corte d’appello di Brescia, a un anno e tre mesi di reclusione per Cheti Nin (pena sospesa e non menzione), e a nove mesi di reclusione a testa per le volontarie (pena sospesa e non menzione), tutte anche condannate per esercizio abusivo della professione veterinaria, avendo somministrato ai cani i farmaci, per averli vaccinati e rimosso i punti di sutura. E sono stati confermati i diecimila euro di risarcimento alla Lega Nazionale per il Cane, l’unica associazione ammessa come parte civile nel processo d’appello. Ora, i vertici dell'associazione non sono più gli stessi. Ma la battaglia legale, pur su un fronte completamente differente, continua.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

09 Ottobre 2017