il network

Lunedì 19 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Linea lumaca, in ritardo anche i lavori di velocizzazione

Tratta per Milano: rinviato al 2019 il completamento degli interventi originariamente previsti entro ottobre per snellire il traffico fra Mantova e Cremona e fra Pizzighettone e Codogno

Linea lumaca, in ritardo anche i lavori di velocizzazione

CREMONA - Lo stanziamento annunciato, a dimostrazione del permanere della volontà concreta di realizzare le opere di velocizzazione, resta in campo e rimane lo stesso: 12 milioni e duecentomila euro.
Ma sono i tempi, che slittano. E non di poco: i promessi interventi per ‘snellire’ la linea ferroviaria ‘Mantova-Cremona-Milano’, frutto dell’accordo sottoscritto addirittura nel 2014 da Regione Lombardia e Rete ferroviaria italiana (Rfi), la società del Gruppo Fs che gestisce l’infrastruttura, non saranno completati come fissava quell’intesa, entro fine ottobre, vale a dire tra qualche settimana, ma invece entro fine giugno 2019. Termine corretto, rispetto al dispositivo originario, con una proroga: di quasi due anni, però. E per i pendolari cremonesi e mantovani che speravano, finalmente, di poter raggiungere Milano — e di poter da Milano tornare a casa — più rapidamente di quanto non accada da anni, non è una buona notizia. Come se lungo la direttrice ‘lumaca’ fossero destinati ad arrivare in ritardo anche i lavori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

04 Ottobre 2017

Commenti all'articolo

  • GIULIO

    2017/10/05 - 09:09

    Vorrei precisare che Trenord è comunque un soggetto pubblico, non privato. Non che ritenga la gestione privata migliore, anzi, ma la tanto decantata e rivendicata efficienza lombarda si rivela per quello che è, un vero e proprio bluff. E ci chiedono anche di andare a votare per l'autonomia della Lombardia ... credo che il 22 ottobre andrò a farmi una bella gita!

    Rispondi

    • mario

      2017/10/05 - 11:11

      La rete è gestita da RFI, che resta un carrozzone statale.... non che Trenord brilli per efficienza teutonica, intendiamoci, ma la precisazione è doverosa...

      Rispondi

  • vittorio

    2017/10/05 - 08:08

    Le FS quando erano statali si distinguevano per "disservizi e fancazzismo " , con la privatizzazione la situazione è peggiorata di molto . Binari insufficienti , carrozze imbrattate di fuori e luride dentro , passaggi a livello che non funzionano con l'addetto al presidio della stazione più vicina che se ne sta con i piedi sul tavolo ,pendolari ( solamente loro ) costretti a viaggi da incubo PER RECARSI AL LAVORO . Semplicemente ITALIA !

    Rispondi