il network

Domenica 18 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Trucco del vestito macchiato, via 1.900 euro: due arresti

In cella due cileni, indagini in corso per verificare la corrispondenza della loro presenza in concomitanza con identici colpi in 13 città italiane

Controlli a tappeto  della polizia sul territorio

CREMONA - "Scusi, le ho macchiato il vestito, glielo ripulisco subito". Movimenti rapidi con mani esperte e dalle tasche di un anziano cremonese sono spariti 1.900 euro in contanti appena prelevati in banca. Due cittadini cileni di 36 e 35 anni, senza fissa dimora e incensurati, sono stati arrestati dalla polizia di Cremona dopo due mesi di indagini. L'accusa è di furto pluriaggravato.

La coppia, un uomo e una donna, sono entrati in azione il 22 luglio. Lui è entrato nella filiale della Intesa San Paolo di piazza Stradivari per tenere d'occhio i clienti, fin quando ha trovato quello che cercava. Un anziano che aveva ritirato 1.900 euro. Uscito dalla banca, il cileno ha atteso il cremonese e ha iniziato a pedinarlo. Nel frattempo ha avvisato la complice. Non molto lontano dalla banca, la donna ha intercettato l'anziano e gli ha rovesciato addosso, fingendo un urto accidentale, una bottiglietta d'acqua nella quale precedentemente aveva sciolto del colorante. Con la scusa di ripulire le macchie dal vestito, la ladra ha messo le mani sul denaro e si è allontanata.

L'episodio è stato denunciato alla polizia e gli agenti della questura di Cremona si sono subito messi al lavoro. In un primo momento hanno esaminato le telecamere della banca e della zona limitrofa a piazza Stradivari. Nelle immagini hanno individuato i cileni e i loro movimenti sospetti. A quel punto i poliziotti si sono concentrati sui cellulari dei due stranieri e, analizzando le cellule posizionate nelle strade del centro, sono risaliti ai numeri di telefono. Numeri intestati però a due persone completamente diverse.

Gli agenti hanno comunque deciso di seguire i movimenti dei cellulari. Intuizione corretta, visto che un paio di mesi dopo, i cileni sono ritornati in città. Di nuovo presso l'Intesa San Paolo. La questura aveva nel frattempo predisposto un'adeguata accoglienza. Questa volta è stata la donna ad entrare in banca, ma ha capito che qualcosa non quadrava ed è subito uscita. All'esterno è stata bloccata dai poliziotti e poco dopo è stato fermato anche il compagno che aveva parcheggiato l'auto in piazza Lodi. La coppia è stata arrestata.

Ulteriori accertamenti sono in corso. Da verificare la coincidenza della presenza in 13 città italiane dei cellulari dei due cileni nel giorno in cui è stato commesso un furto con analoghe modalità rispetto a quello andato a segno a Cremona. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

30 Settembre 2017