il network

Domenica 18 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Il boss della droga patteggia

Hysa Bardhi dal 2015 in carcere a Tirana: l’albanese pezzo da novanta del traffico di cocaina accusato di averla ceduta a vari cremonesi

Il boss della droga patteggia

Hysa Bardhi

CREMONA - Da due anni è in carcere a Tirana. Ricercato dall’autorità giudiziaria albanese, nell’estate del 2015 a mettergli le manette fu la polizia, che a Cremona lo arrestò davanti ad un bar. Ma Hysa Bardhi, 52 anni, un pezzo da novanta del traffico di cocaina, uno che nel giro chiamavano «lo zio» e che aveva messo in piedi un fiorente giro di spaccio, non solo in Albania aveva un conto in sospeso con la giustizia. Lo aveva anche a Cremona dove, tra il 2010 e il 2015, attraverso intermediari, ha ceduto cocaina ai suoi clienti, per lo più cremonesi. ‘Roba’ buona, venduta dagli 80 ai 100 euro al grammo. Lo ha scoperto l’Arma, indagando, due anni fa, sul «caso Juliette», l’inchiesta che grazie alle intercettazioni, ha anche svelato i rapporti tra il boss albanese e Andrea Grammatico, l’ex maresciallo ed ex comandante della stazione dei carabinieri di Vescovato poi cacciato dall’Arma. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

25 Settembre 2017

Commenti all'articolo

  • vittorio

    2017/09/26 - 08:08

    Speriamo che l'Italia non ne chieda l'estradizione , altrimenti il giorno dopo sarebbe già libero di ricominciare .

    Rispondi