il network

Giovedì 20 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA. PROCESSO AEMILIA

’Ndrangheta al nord, condannato a 12 anni il boss locale

Confermata in Appello a Bologna la sentenza di primo grado al presunto referente su Cremona della cosca attiva tra Lombardia ed Emilia Francesco Lamanna

  ’Ndrangheta al nord, condannato a 12 anni il boss locale

Francesco Lamanna

CREMONA - Nell’aprile del 2016, il giudice per l’udienza preliminare, Francesca Zavaglia, aveva chiuso il primo grado pronunciando 58 condanne, fino ad un massimo di 15 anni; ora, in Appello a Bologna, è arrivata una sostanziale conferma di quella sentenza e, quindi, dell’impianto accusatorio che riconosce esistenza e affari di una «radicata propagazione» della cosca calabrese dei Grande Aracri fra Lombardia ed Emilia Romagna: non è un’ombra ma una presenza concreta e insidiosa quella della ‘ndrangheta a cavallo tra Cremona e la Bassa Piacentina e fra Parma e Reggio Emilia oltre che nei rispettivi territori. Un’organizzazione piramidale ai cui vertici, stando almeno al secondo atto del processo che incornicia l’operazione ‘Aemilia’, ci sarebbero a livello nazionale il presunto boss, Nicolino Grande Aracri, condannato a sei anni e otto mesi di reclusione nonostante non rispondesse di associazione mafiosa e, a livello locale, quello che viene ritenuto il suo ‘luogotenente’, il crotonese trapiantato al Boschetto Francesco Lamanna, sulle cui spalle è caduta una pesante condanna a 12 anni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

13 Settembre 2017

Commenti all'articolo

  • angelo

    2017/09/14 - 09:09

    'ndrangheta al nord??? ma nooooooooooooo!!!!

    Rispondi