il network

Domenica 23 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Raccolta puntuale, da giovedì 7 parte la sperimentazione al Boschetto e al Migliaro

Circa tremila i cittadini interessati, 1.100 le utenze complessive coinvolte, di cui 50 non domestiche

raccolta rifiuti differenziata porta a  porta

CREMONA - Parte giovedì 7 settembre la prima sperimentazione di misurazione di tariffa puntuale del secco a Cremona che si protrarrà per tre mesi, sino al 30 novembre 2017. I quartieri interessati sono il Boschetto e il Migliaro, circa tremila i cittadini interessati, 1.100 le utenze complessive coinvolte, di cui 50 non domestiche.

Come illustrato nella lettera informativa inviata ai residenti nei mesi scorsi e nel vademecum pubblicato sul sito di Linea Gestioni, non cambierà nulla rispetto all'attuale sistema di raccolta rifiuti se non il fatto che per il secco dovranno essere usati soltanto sacchi di colore arancione forniti gratuitamente. Il giorno fissato per la raccolta, il giovedì mattina, i sacchi dovranno essere esposti solo se pieni, in caso contrario sarà necessario attendere la settimana successiva.

Per la maggior parte delle utenze si tratta di sacchi da 60 litri, quindi una via di mezzo tra il tradizionale sacco piccolo da pattumiera e il sacco grande semi-trasparente solitamente usato per l'esposizione in strada. A ciascuna famiglia o utenza non domestica (negozi, uffici, scuola, e così via) è stata consegnata una dotazione gratuita di sacchi più che sufficiente per i tre mesi della sperimentazione. Conclusa la sperimentazione, si riprenderà ad utilizzare i sacchi grigi semitrasparenti ed il fissato per la raccolta del secco sarà sempre il giovedì. Per qualsiasi dubbio o informazione è possibile contattare il numero 0372.41866 (dal lunedì al venerdì 8-12.30/14-16.30).

La sperimentazione è finalizzata innanzitutto a prevenire e ridurre la produzione del secco, cioè dei rifiuti non riciclabili, quelli per i quali è necessario lo smaltimento in discarica o al termovalorizzatore. Altro scopo è consentire di testare un sistema di misurazione puntuale del secco, così da poter meglio identificare future azioni che rendano possibile l'introduzione della cosiddetta “tariffa puntuale” (ovvero la tariffa per la quale si paga in base a ciò che effettivamente si produce e che quindi premia i cittadini virtuosi). Non ci sarà alcun costo aggiuntivo per i cittadini e non ci sarà alcuna variazione sulla tassa rifiuti.

06 Settembre 2017