il network

Mercoledì 21 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Calcioscommesse, Lazar ammette combine e patteggia

L'ungherese latitante dal 2011, arrestato a Palma di Maiorca, si scusa per l'abbigliamento: "Ero in vacanza con la famiglia"

Calcioscommesse, Lazar ammette combine e patteggia

L'arrivo di Matyas Lazar in tribunale

CREMONA - Si è scusato per l’abbigliamento: pantaloncini e maglietta. Del resto, quando lo hanno arrestato, era con moglie e bimbo di pochi mesi a Palma di Maiorca, la ‘regina’ delle Baleari. Estradato venerdì 25 agoisto in Italia, ricercato in campo internazionale dal maggio del 2012 per associazione a delinquere, aggravata dalla transnazionalità, finalizzata a manipolare partite di Serie A, come Palermo-Bari del 7 maggio 2011 (2-1) o Lecce-Lazio del 22 maggio 2011 (2-4), Matyas Lazar, ‘Lecso’, 43 anni, ungherese di Kecskemet, è uno dei personaggi chiave dell’indagine Last Bet della squadra mobile di Cremona. Già sotto processo in Ungheria per fatti analoghi, socio in una forneria con un passato da calciatore, martedì 29 agosto davanti al gip, Pierpaolo Beluzzi, Lazar ha ammesso di aver finanziato le corruzioni dei giocatori, scucendo di tasca propria 20, 30, 40 mila euro per truccare le partite. L’ungherese ha spiegato di non aver mai conosciuto giocatori italiani, perché il denaro per ‘oliare’ i calciatori lui lo consegnava al macedone Hiristian Ilievsky, il potente capo della banda «degli zingari», l’anello di congiunzione tra i vertici dell’organizzazione a Singapore e i giocatori da corrompere con fiumi di denaro, costituitosi il 27 aprile di due anni fa ed uscito dall’inchiesta Last Bet con un patteggiamento. Strada scelta anche dall’ungherese Lazar, che con il consenso del pm, Francesco Ignazio Abbadessa, e difeso dall’avvocato Giuditta Evangelisti, ha patteggiato un anno e otto mesi e dieci giorni di reclusione ed è tornato in libertà. L'ungherese era detenuto nel carcere di Ca' del Ferro dal 25 agosto scorso, dopo essere atterrato all’aeroporto di Fiumicino, scortato dal personale dello Scip, il Servizio per la cooperazione internazionale di Polizia del dipartimento di Pubblica Sicurezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

29 Agosto 2017