il network

Martedì 25 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Scuola, nuovo anno: garantito investimento sull'infanzia

Il vice sindaco Ruggeri conferma l'impegno del Comune durante l'incontro con il personale scolastico

Scuola, nuovo anno: garantito investimento sull'infanzia

CREMONA - “Garantire alla città un investimento sull'infanzia come è stato fatto fin qui dalle Amministrazioni che si sono succedute non è cosa scontata, forse non se ne ha sufficiente consapevolezza. In ogni caso se fino ad oggi siamo riusciti a garantire quantità e soprattutto qualità dell'offerta educativa sulla fascia 0/6 in questa città è in gran parte merito vostro, del vostro lavoro, del vostro impegno e del vostro lavoro, di questo io la Giunta ne siamo consapevoli e ve ne siamo grati”. Così ha esordito la vice sindaco con delega all'Istruzione Maura Ruggeri incontrando questa mattina, 28 agosto, al Teatro Monteverdi, il personale degli asili nido e delle scuole per l'infanzia comunali in vista dell'avvio, il 4 settembre, del nuovo anno scolastico. Accanto alla vice sindaco erano presenti Silvia Toninelli, dirigente del Settore Politiche Educative, e l'intero staff dell'Assessorato di via del Vecchio Passeggio in quanto la riunione ha avuto anche un carattere informativo ed operativo, al termine della quale tutto il personale si è recato nelle varie scuole per proseguire il lavoro preparatorio già avviato nei giorni scorsi.

“Abbiamo avuto chiaro fin dal nostro insediamento che l'offerta educativa richiedeva di essere inserita in un piano infanzia che aggiornasse e rilanciasse progetti e proposte nell'ambito di una rinnovata consapevolezza dell'importanza della fascia 0/6 per lo sviluppo cognitivo e relazionale dei bambini. Consapevolezza che, una volta inserita in un testo di legge, speriamo si traduca anche in azioni di supporto all'impegno degli enti locali, cosa che per ora non abbiamo ancora visto”, ha proseguito la vice sindaco Maura Ruggeri. Nel frattempo l'Amministrazione si è attivata per migliorare il contesto di vita e di relazioni dei bambini con una attenzione particolare alle situazioni di fragilità e di disagio. Per tale motivo è stata privilegiata la collaborazione scuola e territorio, scuola e quartiere, con l'obiettivo di sostenere scuole aperte anche oltre l'orario scolastico cosi come avviene in altre realtà, nonché di sollecitare anche le varie componenti del territorio ad essere parte attiva, insieme alle istituzioni, nel prendersi cura della crescita di bambini e ragazzi.

La vice sindaco ha poi ricordato brevemente alcune delle azioni intraprese, quali, ad esempio, il rilancio del piedibus, la collaborazione con genitori e volontari nella cura degli spazi scolastici, il progetto Passepartout che parte dalle scuole dell'infanzia e si sviluppa fino alla secondaria, l'iniziativa “Violino va a scuola” che s'inserisce nella progettualità della la musica per tutti. E' aumentato l'impegno in termini di risorse. Sono state così razionalizzate le rette dei nidi, determinando un crescente ritorno alla frequentazione della mensa di un certo numero di bambini, che nel passato se ne erano allontanati per motivi economici, grazie alla introduzione dell'ISEE per le tariffe di questo servizio. Altro aspetto di rilevante importanza l'intervento programmato sulle strutture scolastiche, con l'obiettivo prioritario della sicurezza, che ha comportato e comporta precise scelte di bilancio.

Le iscrizioni del nuovo anno scolastico confermano il gradimento delle famiglie per le scuole comunali e questo grazie all'apporto di tutto il personale. Nel merito del lavoro svolto sussistono difficoltà che riguardano il rapporto con le famiglie, per vari motivi sempre più complicato, far fronte a nuove tipologie di disagio, la necessità di rispondere ai bisogni d'integrazione dovuti alla presenza di bambini stranieri in aumento e soprattutto all'innalzamento della percentuale di bambini con certificazione di disabilità. “Sono temi molto seri di cui esiste piena consapevolezza in chi ha la responsabilità gestionale e di coordinamento a cui bisogna lavorare insieme con grande disponibilità all'ascolto ed alla collaborazione, per trovar soluzioni compatibili con risorse che sono purtroppo ridotte rispetto all'aumento dei bisogni”, ha dichiarato Maura Ruggeri.

“Un'esigenza che avverto guardando la tipologia del rapporto di lavoro è la necessità di dare forma stabile ai rapporti a tempo determinato garantendo così la continuità educativa. Si sono aperte opportunità normative al riguardo, al vaglio dei responsabili del personale che dovranno dirci quali possibilità concretamente abbiamo. Naturalmente la volontà politica di utilizzare ogni opportunità nel rispetto delle norme è molto chiara”, ha detto infine la vice sindaco.

28 Agosto 2017