il network

Domenica 19 Novembre 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA. LA POLEMICA

"Il centro muore, bisogna riaprirlo ai cittadini"

Eugenio Marchesi delle Botteghe del centro: «Troppo facile dare colpa ai commercianti. Se anche le grandi catene abbandonano il cuore della città vorrà pur dire qualcosa?

"Il centro muore, bisogna riaprirlo ai cittadini"

Eugenio Marchesi

CREMONA - La chiusura di Geox, le troppe vetrine spente, le recenti dichiarazioni dell’assessore al commercio rischiano di aprire un autunno caldo sul commercio, sul centro storico, sulle reali capacità attrattive della città. Barbara Manfredini a chi accusava l’amministrazione di non valorizzare adeguatamente il commercio ha ribattuto: «Il centro è attrattivo, è bello, vivibile e lo dimostrano le presenze dei cremonesi, degli italiani, dei turisti di passaggio anche in questi mesi di grande caldo. Presenze legate non solo ad eventi, ma alla visita ai monumenti, ai musei, alla città, al Palazzo comunale. E pensare che spesso quando vengono turisti ed ospiti, non solo d’estate, trovano i negozi chiusi anche in presenza di eventi nazionali e internazionali».
Malgrado la calma piatta agostana, il clima ancora da vacanze estive, strade deserte e parcheggi liberi in centro non si è fatta attendere la replica da parte di Eugenio Marchesi, presidente della Botteghe del centro che afferma senza troppi peli sulla lingua: «Il centro muore, bisogna riaprirlo ai cittadini. Troppo facile scaricare sui commercianti le responsabilità, è la politica che deve farsi carico del problema. È stato un continuo stillicidio che dura da anni, che ha favorito sempre la crescita della grande distribuzione rendendo sempre più difficile e costoso l’accesso ai centri delle città. Non sono stati fatti investimenti in parcheggi comodi ed economici, mancano posti macchina, i mezzi pubblici non sono adeguati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

23 Agosto 2017

Commenti all'articolo

  • M

    2017/08/25 - 07:07

    I parcheggi ci sono basterebbe trasforamarli in parcheggi gratuiti magari con disco orario di 1 ora e liberi al sabato e festivi. Oggi se parcheggi nelle famigerate strisce blu spendi di più dello shopping che vorresti fare.

    Rispondi

  • Andrea

    2017/08/24 - 23:11

    ....sicuramente il centro è sporco come mai prima, i muri imbrattati sono da voltastomaco....è evidente un continuo e crescente degrado...lo trovo veramente poco bello e attrattivo...i negozi di un certo livello si comtano sul palmo di una sola mano...questo manca per rendere il tutto più interessante e allettante perché è questo che il cittadino e chi viene dall'esterno chiede e vuole....senza dimenticare il nodo viabilità e parcheggi. I centri commerciali, che a detta di molti, sono la causa principale di tutto ciò non c'entrano proprio nulla... Sveglia, ci arriverebbe un bambino a capirlo.

    Rispondi

  • Fabio

    2017/08/24 - 20:08

    Angelo ha ragione ma anche l'Amministrazione non e' che si sia prodigata molto per favorire una ripresa del centro.

    Rispondi

  • Fabio

    2017/08/24 - 20:08

    Angelo ha ragione ma anche l'Amministrazione non e' che si sia prodigata molto per favorire una ripresa del centro.

    Rispondi

  • Antonio

    2017/08/24 - 10:10

    Hanno chiuso il centro e la città rimane tra le più inquinate, evidentemente lo smog non è colpa delle auto. Con le ultime trovate l'amministrazione ha fatto morire anche le attività. Dei geni.

    Rispondi

Mostra più commenti