il network

Venerdì 16 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Furto e fuga: cittadino albanese arrestato, processato ed espulso

Importante operazione di polizia giudiziaria: l'uomo è già stato imbarcato su un volo diretto in Albania

Furto  e fuga: cittadino albanese arrestato, processato ed espulso

Una delle bici recuperate

CREMONA - Nella giornata di mercoledì 9 agosto operatori della Squadra Volante hanno portato a termine un'importante operazione di polizia giudiziaria che si è conclusa con l’arresto di un cittadino albanese resosi responsabile, insieme ad un altro soggetto che è riuscito a fuggire, del reato di tentato furto in abitazione e di furto aggravato.

Precisamente, intorno alle ore 3 del mattino, gli operatori della Volante, durante l’ordinaria attività di controllo del territorio, mentre si trovavano all’altezza della rotonda del CremonaPo, notavano una autovettura transitare in senso contrario alla loro direzione di marcia che si dirigeva a velocità sostenuta in direzione di viale Po. Insospettiti da tale auto e notati 2 soggetti sospetti a bordo, gli operatori hanno deciso di percorrere la rotatoria al fine di fermare la vettura per effettuarne il controllo. Una volta raggiunta, tale autovettura aumentava vistosamente l’andatura, nonostante venisse intimato l’Alt attraverso l’utilizzo sia dei dispositivi acustici che luminosi oltre che il dispositivo di segnalazione manuale (paletta). Il conducente del veicolo - rubato - si dava alla fuga, fino all’argine del fiume Po. Entrambi i rei a questo punto abbandonavano il veicolo dandosi alla fuga in direzioni opposte. Il soggetto rincorso - pur tentando di nascondersi tra i cespugli per sfuggire agli Agenti - è stato bloccato dagli operatori.

La macchina veniva recuperata grazie anche all’aiuto dei Vigili del Fuoco e sottoposta a sequestro e messa a disposizione della Scientifica al fine di rilevare eventuali impronte dell’altro reo.

Si precisa, inoltre, che nei pressi dell’abitazione dove erano stati perpetrati i reati, gli operatori rinvenivano due biciclette che il reo riferiva aver rubato insieme al suo complice appena arrivati a Cremona da Milano in treno, in una non meglio identificata abitazione vicino alla ferrovia.

Le biciclette venivano recuperate e poste sotto sequestro in attesa del compimento degli accertamenti tesi all’identificazione dei legittimi proprietari i quali se dovessero riconoscere le bici possono venire in Questura per la loro restituzione.

Nella mattinata di giovedì 10 agosto si è tenuta la direttissima con la convalida dell’arresto. Inoltre, il giudice ha disposto l’autorizzazione all’espulsione dello straniero. Una volta terminato il processo, quindi, il reo è stato messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione il quale attivava tutte le procedure necessarie per la sua espulsione che veniva effettuata attraverso l’accompagnamento del soggetto presso la frontiera aerea di Fiumicino, dove alle ore 22 è stato imbarcato sul volo diretto in Albania.

In merito al suo complice sono in corso accertamenti di natura investigativa finalizzati alla sua corretta individuazione.

L’attività realizzata evidenzia ancora una volta l’elevato profilo professionale degli operatori che svolgono l’attività di controllo del territorio e la massima attenzione che, nell’ambito del dispositivo di controllo disposto dal Questore Bonaccorso, viene rivolta ai reati contro il patrimonio in particolare a quelli dei furti in abitazione il cui contrasto rappresenta una delle priorità dell’attività della Questura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

11 Agosto 2017