il network

Giovedì 21 Settembre 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Piscine, Comune in campo per tutelare i dipendenti

Tanta la preoccupazione per il futuro con la nuova gestione Sport Management. Possibile l’incremento del personale, con particolare attenzione al territorio

Piscine, Comune in campo per tutelare i dipendenti

Nel riquadro l'assessore Mauro Platè

CREMONA - La gestione della piscina comunale continua a far discuter. L’affidamento alla società Sport Management — come nel caso di ogni cambiamento gestionale — ha subito messo in allerta i lavoratori che temono una riduzione e trasformazione delle mansioni e incarichi. A queste pur legittime preoccupazioni dal Comune fanno sapere che il ‘recupero’ di eventuali lavoratori attualmente della Fin dipenderà dal gestore, ma sicuramente l’occupazione (come in altri casi) è tema molto caro al Comune, il che fa presupporre che l’amministrazione si comporterà di conseguenza, con un occhio di riguardo all’evoluzione dell’occupazione sotto il segno della nuova società.
Rispetto alla situazione attuale il Comune avrà maggiore possibilità di controllo su forme contrattuali e numero di dipendenti e retribuzioni individuali, secondo quanto previsto dalla bozza di convenzione.
Il numero di persone lavoratrici aumenterà, anche se ora l’amministrazione non sa quanti sono e che tipo di contratto hanno, «nonostante sia stato chiesto alla Fin», fanno sapere dagli uffici competenti. In via prioritaria saranno fatti colloqui con lavoratori del territorio (ora la maggioranza dei bagnini è del bresciano) secondo quanto previsto nella bozza di convenzione.
Ovviamente i contratti saranno secondo il codice del lavoro e non si potranno utilizzare dei contratti per gli sportivi. Insomma il passaggio di gestione delle piscine e la fine di una lunga querelle si compie sotto il segno della tutela di chi vi opera e della volontà di migliorare il servizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

17 Luglio 2017