il network

Domenica 23 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Torino, ferita in piazza San Carlo: cremonese chiede i danni

La ragazza di 22 è rimasta ferita nella calca insieme a un numero impressionante di tifosi (1.527 persone) durante la finale di Champions tra Juve e Real: partita la querela al Comune

Torino, ferita in piazza San Carlo: querela di una 22enne cremonese

CREMONA - «Ho sentito una cosa strana, come se della gente corresse, ma non capivo. Poi, ad un certo punto, la massa si è messa a correre verso di me, sono caduta e quell’ondata mi è venuta addosso. Il mio moroso mi ha tirato fuori. Ad un certo punto credevo di morire lì». Dall’inferno di piazza San Carlo, a Torino, durante il panico di massa scoppiato la sera del 3 giugno nel corso della finale di Champions League fra Real Madrid e Juventus, con 30mila tifosi accalcati davanti al maxi schermo, una studentessa universitaria cremonese di 22 anni (studia fashion e moda a Brescia), ne è uscita con il ginocchio sinistro pieno di tagli provocati dai cocci di vetro. Le ferite gliele hanno ricucite al Pronto soccorso dell’ospedale Maggiore di Cremona. E ora il carteggio clinico sarà allegato alla querela che l’avvocato Luca Curatti presenterà nei prossimi giorni nei confronti dell’amministrazione comunale di Torino, guidata dal sindaco Chiara Appendino, già indagata per la pagina più buia della capitale sabauda. Quella notte, nella calca era rimasto ferito un numero impressionante di tifosi: 1.527 persone, tra cui almeno una quindicina di cremonesi ed Erika Pioletti, la 38enne di Domodossola morta, dopo dodici giorni di agonia, al San Giovanni Bosco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

03 Luglio 2017