il network

Mercoledì 21 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Si è spento il giornalista Antonio Leoni

Aveva 81 anni. A lungo redattore de 'La Provincia di Cremona', aveva fondato Mondo Padano con Gianni Curtani

Si è spento il giornalista Antonio Leoni

Antonio Leoni

CREMONA - E’ morto lunedì 3 luglio  all’Hospice di Cremona Antonio Leoni: 81 anni, uno dei più noti giornalisti cremonesi e fotografo apprezzato nel mondo, era stato a lungo redattore de La Provincia, prima in cronaca e poi caposervizio dello sport, sino al 1981, quando aveva lasciato il quotidiano cittadino per fondare, insieme a Gianni Curtani, il settimanale ‘Mondo Padano’, di cui è stato direttore per quindici anni, fino al 1996, dove aveva portato anche una nuova grafica, studiata con Sergio Ruffolo, e dove era tornato, per una breve parentesi, nel 2013. Non solo carta stampata: Leoni si è impegnato nel settore del web con il sito vascello.cr.it, uno dei primi.
Appassionato di fotografia (così come della bicicletta), aveva fatto reportage in tutto il mondo, collaborato con prestigiose riviste nazionali ed internazionali: sue foto si trovano in collezioni e musei e numerosi sono stati i volumi fotografici, da ‘Il Mondo degli Ultimi’ alla ‘Cascina Cremonese’, dal ‘Vaso di Pandora’ agli ‘Impietriti’.
Lo sport, in particolare la Cremonese, è stata la sua altra passione, non solo professionale: seguiva la squadra, nei momenti di gloria e di difficoltà, con una presenza assidua allo stadio e nelle trasferte. Commentava vittorie e sconfitte con battute pungenti, ma con costante rispetto per la società e per le scelte degli allenatori. Delle vicende cremonesi era curioso, alle conferenze stampa era solito chiedere cosa c’era dietro le quinte, sulla politica amministrativa non sempre condivideva le scelte degli amministratori di turno: lo diceva e lo scriveva. Senza mezze misure. L’Ordine dei Giornalisti di Milano lo ha premiato per i suoi 50 anni di iscrizione e di attività.
I funerali di Antonio Leoni si terranno mercoledì 5 luglio alle 10,45 nella chiesa di Sant’Abbondio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

04 Luglio 2017