il network

Martedì 20 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA/CASALBUTTANO

Caso formaggi avariati: "La pericolosità va rivalutata"

Con questa motivazione la Cassazione ha annullato le condanne degli imprenditori Russo e Bosio. Si torna in Appello

Formaggi avariati e scaduti. Ma non erano pericolosi

La fotografia dei macchinari scattata dagli inquirenti

CREMONA/CASALBUTTANO - «E' necessario rivalutare, con giudizio logico e coerente, il requisito della concreta pericolosità delle confezioni alimentari prodotte dagli stabilimenti Megal e Tra.De.L, accertamento ineludibile ai fini di considerare la fondatezza dell’accusa». Lo scrive la prima sezione penale della Cassazione nella motivazione della sentenza con cui ha annullato, rinviando alla corte d’appello di Brescia, le condanne a tre anni e sei mesi di reclusione per l’imprenditore siciliano Francesco Russo e a due anni e tre mesi per il cremonese Luciano Bosio, dieci anni fa coinvolti nel caso «formaggi avariati», scandalo esploso con il blitz della guardia di finanza alla Tra.De.L, lo stabilimento di Casalbuttano, dove vennero sequestrati formaggi pieni di muffe ed escrementi di topi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

03 Luglio 2017