il network

Lunedì 24 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA. AMMANCHI ALLA CROCE ROSSA

Pena scontata in appello: 2 anni a Rizzi

L’accusa era di peculato. L’ex commissario locale si sarebbe intascato 16.095 custoditi in cassaforte

Pena scontata in appello: 2 anni a Rizzi

Il tribunale di Cremona

CREMONA - La corte d’appello di Brescia ha ridotto la pena per l’ex commissario locale della Croce Rossa, Mirko Rizzi, condannandolo a due anni di reclusione, contro i tre inflitti nel primo processo. L’accusa era di peculato. Rizzi si sarebbe intascato 16.095 custoditi in cassaforte, ricavato di tombola, tango e cena di gala per beneficenza organizzata dalla sezione femminile nel palazzo della società Centropadane, in via Colletta, l’ottobre del 2011. Difeso dagli avvocati Cristina Pugnoli e Marco Bencivenga, in appello Rizzi ha inoltre ottenuto i benefici della sospensione condizionale della pena e della non menzione della condanna nel casellario giudiziario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

20 Giugno 2017