il network

Giovedì 15 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA. LA STORIA

Invalido e disoccupato: " Devo scegliere tra cibo a farmaci"

Amedeo, 58enne disabile al 60 per cento, sopravvive grazie a servizi sociali e parrocchia. E non mangia da 5 giorni

Invalido e disoccupato: " Devo scegliere tra cibo a farmaci"

Nella foto di repertorio alcune persone in coda per il pranzo nella mensa di un istituto caritativo

CREMONA - "Non mangio da cinque giorni. Ho perso venti chili. Resto in casa, sdraiato nel letto, a far passare le ore. Ma dormire è difficile. Anche quando sono imbottito di farmaci, che prendo quando posso: a volte devo scegliere tra le medicine e il pane. E se mi serve la benzina per raggiungere un’azienda e fare un colloquio di lavoro, allora rinuncio a tutto il resto". Una storia dolorosa, pesante, quella di Amedeo, 58 anni, cremonese, invalido al 60 per cento (a causa di problemi circolatori), senza lavoro e senza reddito da quattro anni, divorziato, senza entrambi i genitori, le figlie che non vogliono saperne di incontrarlo: "Non sono neppure venute ai funerali dei nonni". Amedeo tira avanti grazie all’aiuto dei servizi sociali e alla parrocchia di Borgo Loreto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

03 Giugno 2017

Commenti all'articolo

  • vittorio

    2017/06/05 - 08:08

    La sfortuna di non essere Romeno !

    Rispondi