il network

Lunedì 19 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA - GADESCO

'Fumoncello, digestivo che preparo io', no al patteggiamento

Il 36enne ha spiegato la ricetta davanti al giudice, l'uomo resta ai domiciliari in attesa di essere processato

'Fumoncello, digestivo che preparo io', no al patteggiamento

CREMONA - Beccato domenica dai carabinieri con in casa 23 bottiglie di ‘fumoncello’, un mix di alcol e marijuana, martedì 23 maggio davanti al giudice lo ha definito ‘digestivo’. «Lo preparo io». E ha spiegato la ricetta.

Alfio Petralia, 36 anni, originario di Catanzaro, residente a Gadesco Pieve Delmona, diversi precedenti specifici, rimane agli arresti domiciliari in attesa di essere processato da un giudice diverso da Giulia Masci: è il magistrato che, dopo aver convalidato l’arresto, ha respinto l’istanza di patteggiamento a 13 mesi e dieci giorni, concordato tra il pm onorario, Paolo Tacchinardi, e il difensore Ugo Carminati, non ritenendo corretta la qualificazione giuridica del fatto. A Petralia era contestata la violazione dell’articolo 73, quinto comma, del Testo Unico Stupefacenti (Produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope) che punisce con la reclusione da sei mesi a quattro anni, quando il fatto è di lieve entità. Per il giudice Masci il fatto è più grave ed è quello previsto dal primo comma dell’articolo 73 e punito con la reclusione da sei a vent’anni. Il giudice ha perciò trasmesso gli atti al presidente di sezione, che assegnerà il fascicolo ad altro giudice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

23 Maggio 2017

Commenti all'articolo

  • vittorio

    2017/05/24 - 07:07

    Pericoloso rubare il lavoro ai clandestini .

    Rispondi