il network

Martedì 23 Maggio 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


BASSA PIACENTINA

Fatturazioni false ed estorsione: chiesti sei anni

Inchiesta 'Aemilia': le richieste di condanna dai pm della Direzione distrettuale antimafia per i presunti affiliati di Castelvetro

Fatturazioni false ed estorsione: chiesti sei anni

Prosegue a Bologna il processo 'Aemilia'

BOLOGNA - I pm della Dda di Bologna Marco Mescolini e Beatrice Ronchi hanno chiesto condanne - le più alte a sei anni - per i dieci imputati coinvolti in un filone secondario dell’inchiesta ‘Aemilia’, l’operazione dei carabinieri che ha disarticolato una presunta organizzazione ndranghetistica con epicentro nel Reggiano ma attiva anche a cavallo tra Cremona e il Cremonese e la Bassa Piacentina. Il processo è in rito abbreviato davanti al gup Alberto Gamberini, che nei mesi scorsi aveva rinviato a giudizio altri 13 imputati, e la sentenza è prevista per metà giugno. Tra le pene più alte chieste dall’accusa, quelle a carico di Pierino e Pasquale Vetere e Francesco Lerose, tutti e tre residenti a Castelvetro e imputati di estorsione e false fatturazioni: sei anni di reclusione, la richiesta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

18 Maggio 2017