il network

Martedì 20 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Libera in lutto: addio a Balestreri, una vita per l'agricoltura

Il presidente Nolli: con la sua morte perdiamo una figura importante, un uomo che all'associazione ha dato tanto

Addio a Davide Balestreri

Nel riquadro Davide Balestreri e la sede della Libera

CREMONA - Il mondo agricolo cremonese perde uno degli imprenditori più attivi, stimati e conosciuti degli ultimi decenni. Si è spento giovedì 4 maggio Davide Balestreri, vice presidente della Libera Associazione Agricoltori, figura di riferimento non solo nel panorama provinciale. Si è arreso a un male incurabile, con il quale ha lottato con coraggio e dignità per diversi mesi. Un male che ne ha rallentato l’attività, però senza mai riuscire a fermarla. Fino all’ultimo Balestreri ha combattuto le proprie battaglie: per il sindacato, per la Libera, per l’azienda di famiglia, che ora, dopo la sua morte, verrà condotta dalla figlia Annalisa, col supporto della mamma Patrizia.
Discendente di una storica famiglia di agricoltori, ha ereditato (oltre al nome) la passione per la terra e il talento per le coltivazioni dal nonno paterno, Davide, mentre il padre, Girolamo, ha guidato per poco meno di mezzo secolo il Consorzio Agrario. 

«Non è facile parlare. La notizia della scomparsa di Davide Balestreri è giunta all’improvviso. Con la sua morte perdiamo una figura importante, un uomo che alla Libera Associazione Agricoltori ha dato tanto». Parla con un filo di voce, Renzo Nolli, il presidente della Libera. «Balestreri era sempre in grado di portare agli organi centrali i desideri e le valutazioni dei soci. Notevole anche il suo contributo negli incarichi svolti a Roma. Sapevamo della malattia. Lo abbiamo sempre visto combattere. Con grande forza e grande volontà».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

06 Maggio 2017