il network

Sabato 24 Giugno 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Allarme siccità, il Po soffre: lettera al ministro

Gli assessori regionali Beccalossi, Terzi e Fava: 'Bisogna agire subito'. Il Grande Fiume intanto si avvicina al record negativo registrato nel 2003

Allarme siccità, il Po soffre: lettera al ministro

CREMONA - Le preoccupazioni che inevitabilmente salgono, adesso sono nero su bianco. In una lettera inviata al ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per sollecitare un incontro in tempi il più rapidi possibile sul tema e per condividere una strategia comune per quanto riguarda il problema della siccità in Lombardia, prima regione agricola italiana. Una situazione che — allo stato attuale — sembra poter assumere tutti i canoni dell’emergenza. Questo, in sintesi, il contenuto del testo inviato dagli assessori regionali Viviana Beccalossi (territorio, urbanistica, difesa del suolo e città metropolitana), Claudia Terzi (ambiente, energia e sviluppo sostenibile) e Gianni Fava (agricoltura), che hanno scritto al ministro in merito alla siccità che sta interessando i principali laghi e corsi d’acqua lombardi.

A Cremona, la sofferenza del Grande Fiume è sotto gli occhi di tutti. Il Po è arrivato a sei metri e mezzo sotto il livello dello zero idrometrico, vale a dire che è a poco meno di un metro dal record del 2003. Potrebbe essere un anno drammatico. Le spiagge sono diventate enormi, e tutte le canaline, alcune delle quali servono per l’irrigazione, sono in secca. I Consorzi si stanno organizzando e viene monitorata giornalmente la situazione dei laghi di Como e d’Iseo. Al Ponte della Becca (in provincia di Pavia), il Po si attesta a quasi due e metri e mezzo sotto lo zero e, considerato come la confluenza sia presa come indicatore, si arguisce il regime di magra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

20 Aprile 2017