il network

Lunedì 24 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Recupero di palazzo Affaitati, via libera della Sovrintendenza

L'obiettivo è di trasformarlo in polo della cultura e dello sviluppo

Il cortile di palazzo Affaitati

CREMONA - Diventa concreto il sogno di recuperare palazzo Affaitati e trasformarlo in polo della cultura e dello sviluppo. La Sovrintendenza ha approvato, nei giorni scorsi, il progetto preliminare presentato dal Comune. L'amministrazione dovrà ora mettere sul piatto il progetto esecutivo e attendere il nuovo ok.A quel punto si potrà partire con il cantiere. "Contiamo di iniziare i lavori entro il 2017 e concluderli per il 2018", dice l'assessore al Patrimonio Andrea Virgilio. Al centro degli interventi l'ala di palazzo Affaitati che si affaccia su via Palestro e alla quale si accede dal Giardino dei profumi. Tra quelle mura abbandonate, un tempo utilizzate come magazzini dl vicino Muso civico,verranno ricavati gli spazi da destinare alle nuove sedi dell'Informagiovani e del Centro fumetto.

08 Aprile 2017

Commenti all'articolo

  • Mino

    2017/04/10 - 09:09

    " ... gli spazi da destinare alle nuove sedi dell'Informagiovani e del Centro fumetto ". Destinazioni inutili, anzi utili per il PD per assumere altro personale ( portatore di voti ) non necessario. l'Informagiovani sara' un doppione delle strutture gia' esistenti. Per quanto riguarda il Centro fumetto ( idea sublime! ) la percentuale degli utenti e dei visitatori, sara' pari a quella dei votanti del partio di Alfano! Poiche', il Palazzo Affaitati include la Biblioteca ed il museo della citta' di Cremona, l'utilizzo dell'ala fronte Via Palesto, avra' la sua logica destinazione e il miglior successo se utilizzata come " Cantiere dell'Arte ( pittura, scultura e letteratura ) " con mostre, forum e convegni. Secondo me, quest'ultima ipotesi fara' di Palazzo Affaitati il cuore della cultura artistica e letteraria cittadina in tutti i suoi aspetti. Ma e' risaputo, la politica non ha sensibilita' artistica e culturale, lei vede solo rosso e nero ovunque!

    Rispondi