il network

Giovedì 15 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


GENIVOLTA

Sossi: il mistero delle scarpe, il canale sarà svuotato

Il corpo del 29enne è stato ritrovato nella roggia Cavallera senza le calzature. Gli accertamenti per chiarire se il giovane sia morto altrove. Ancora da fissare il funerale

Sossi: il mistero delle scarpe, il canale sarà svuotato

Marco Sossi

GENIVOLTA - Nuove ricerche nella roggia (che verrà prosciugata e ricontrollata) per scoprire che fine hanno fatto le scarpe di Marco Sossi: la disposizione è partita dalla procura, con l’obiettivo di ritrovare l’unico indumento che ancora manca all’appello. Giovedì 23 marzo, quando il corpo del giovane mungitore è stato ripescato dai 35 centimetri d’acqua della Cavallera, le calzature (di colore grigio scuro e da ginnastica) non c’erano. I carabinieri di Soresina sono tornati a cercarle il giorno dopo, senza esito. Ma ora che le indagini per chiarire le cause del decesso sono arrivate a uno snodo cruciale, le scarpe rappresentano un elemento chiave. Se rinvenute, verranno analizzate per rilevare la presenza di tracce che possano confermare, o al contrario escludere, l’effettiva presenza del giovane in quel punto della campagna genivoltese. Perché il dubbio a cui stanno cercando di trovare risposta gli inquirenti è uno solo: il 29enne è morto lì, all’interno della roggia, o da un’altra parte? Se al momento del decesso Sossi calzava le scarpe, prima o poi verranno trovate. Ora che la roggia verrà prosciugata ispezionata fino alla barriera di sbarramento di Azzanello, non possono passare inosservate. Ammesso che le indossasse. Perché diversamente bisognerebbe prendere in considerazione anche altre ipotesi. La salma, comunque, è ancora a disposizione dell’autorità giudiziaria. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

28 Marzo 2017