il network

Martedì 13 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


SESTO ED UNITI

Assegno al defunto, 3 euro dopo 31 anni

L’Enel lo ha inviato ora a Franco Dilzeni come rimborso di una fattura. La figlia per incassarlo deve spedire una raccomandata da quasi 6 euro

Assegno al defunto, 3 euro dopo 31 anni

SESTO ED UNITI - L’Enel riconosce un errore in bolletta e ad oltre trent’anni dalla sua morte rimborsa l’utente con un assegno da 3 euro e 10 centesimi. La causale: ‘rettifica fattura’. Peccato però che il beneficiario Franco Dilzeni sia morto nel maggio del 1986 e che la figlia Patrizia, per riscuotere l’assegno spedito nei giorni scorsi dal gestore del servizio elettrico ne debba spendere 5,90, vale a dire quasi il doppio. Quelli insomma della raccomandata con la quale dovrebbe spiegare, carte alla mano, di essere l’unica erede. L’ennesima conferma che la burocrazia molto spesso non si trova sulla stessa lunghezza d’onda del buon senso è storia di questi giorni, quando al civico 13 di piazza Garibaldi, dove la famiglia Dilzeni ha gestito dal 1922 al 2006 un negozio di merceria a due passi dalla chiesa, è arrivato l’assegno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

25 Marzo 2017