il network

Giovedì 20 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Guardia di Finanza, 3.500 interventi nel 2016

Lo sforzo è stato quello di incidere concretamente sulla diffusione dell’illegalità fiscale, finanziaria ed economica e sui negativi effetti

Guardia di Finanza, 3.500 interventi nel 2016

La sede della Guardia di Finanza di Cremona

CREMONA - Nel 2016 in attuazione delle direttive impartite dall’Autorità di Governo e dalla Superiore Gerarchia, le linee di azione del Comando Provinciale di Cremona sono state orientate al perseguimento di 3 obiettivi strategici: Prevenzione e repressione dell’evasione e delle frodi fiscali nelle sue manifestazioni più gravi; Lotta agli illeciti in materia di spesa pubblica ed all’illegalità nella Pubblica Amministrazione; Contrasto alla criminalità economico e finanziaria mediante l’aggressione dei patrimoni illeciti. Lo sforzo che ha contrassegnato l’impegno delle Fiamme Gialle cremonesi nel 2016, a difesa dei cittadini onesti e delle imprese che rispettano le regole, è stato quello di incidere concretamente sulla diffusione dell’illegalità fiscale, finanziaria ed economica e sui negativi effetti che questa produce in danno dell’equità sociale e del libero esercizio dell’attività d’impresa. Da un lato, è stata rafforzata l’analisi di rischio (sfruttando le oltre 40 banche dati a disposizione del Corpo) e la collaborazione con le Agenzie Fiscali, in modo da migliorare la selezione dei contribuenti. Dall’altro, si è puntato su attività investigative trasversali, utilizzando sia le funzioni e i poteri di Polizia Giudiziaria (sotto la direzione ed il coordinamento dell’Autorità Giudiziaria inquirente) sia quelle tipiche di Polizia Economico – Finanziaria. Quella del 2016 è stata un’attività a tutto campo che si è svolta mediante l’esecuzione di 45 Piani Operativi e lo sviluppo di 370 deleghe d’indagine pervenute dalla Magistratura Ordinaria e dalla Corte dei Conti, di cui 292 portate a conclusione.

LOTTA ALLE FRODI FISCALI, ALL’ECONOMIA SOMMERSA E AL GIOCO ILLEGALE Contro l’evasione e le frodi fiscali, anche di tipo organizzato, sono state concluse 67 indagini di polizia giudiziaria a cui si aggiungono 289 attività ispettive a tutela del complesso degli interessi erariali comunitari, nazionali e locali. Sono stati denunciati 115 soggetti responsabili di reati fiscali di cui 3 in stato d’arresto. Il 70% riguarda gli illeciti più gravi inerenti l'emissione e l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, dichiarazione fraudolenta, occultamento di documentazione contabile e indebite compensazione d’imposta. Al riguardo, sono state avanzate proposte di sequestro preventivo per equivalente per più di € 6.000.000. Sono stati individuati 60 casi di frodi all’IVA commesse anche con la creazioni di società "cartiere”; inoltre, sono stati scoperti 49 evasori totali soggetti che, pur avendo svolto attività produttive di reddito, sono risultati completamente sconosciuti al Fisco; nel contrasto del sommerso da lavoro sono stati individuati 11 lavoratori in nero e 228 irregolari. Sono state effettuate 8 controlli e verifiche in materia di fiscalità internazionale finalizzate alla verifica del corretto assolvimento delle disposizioni in materia di monitoraggio fiscale nei confronti di soggetti detentori di possidenze immobiliari/finanziarie all’estero, scoprendo 6 posizioni irregolari; Oltre 3000 interventi sono stati condotti nell’ambito del controllo economico del territorio. Tra questi si segnalano, in particolare, quelli svolti in materia di controlli strumentali (Trasporto merci, ricevute e scontrini. Per questi ultimi sono state riscontrate 613 violazioni con una percentuale di irregolari del 25%). In ambito dogane ed accise sono state scoperte 18 violazioni delle quali 16 sono state constatate presso gli impianti di distribuzione stradale di carburanti. Su 47 interventi effettuati presso sale giochi e centri di scommesse, sono state riscontrate irregolarità nel 78% dei casi.

CONTRASTO ALLE TRUFFE SUI FONDI PUBBLICI E ALL’ILLEGALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Scoperti casi di illegittima percezione di finanziamenti pubblici, comunitari e nazionali, per € 235.000 con la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 5 soggetti per truffa ai danni dello Stato. E’ stato denunciato per truffa, peculato e falso ideologico un professionista che ha indebitamente percepito da un’Azienda Ospedaliera indennità per un ammontare di oltre € 370.000. Sono stati denunciati 3 soggetti per danni erariali che ammontano ad oltre € 700.000. Effettuati 34 controlli volti a verificare la sussistenza dei requisiti di legge previsti per l’erogazione di prestazioni sociali agevolate e per l’esenzione del ticket sanitario, con percentuali di irregolarità pari al 53% dei casi ed il recupero di oltre € 10.000.

CONTRASTO ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA ED ALLA CRIMINALITÀ ECONOMICO FINANZIARIA Eseguiti 31 accertamenti economico-patrimoniali nei confronti di 20 persone fisiche e 11 società. Sono state inoltrate proposte di sequestro di beni per un valore di € 24.500.000. Eseguiti provvedimenti di sequestro ai sensi della normativa antimafia di 198 beni mobili e immobili, 11 tra aziende, quote societarie e diponibilità finanziarie per un valore complessivo di circa € 29.000.000 e confische per € 5.000.000. In materia di reati societari, fallimentari, bancari, finanziari, sono stati denunciati 3 soggetti a piede libero e accertate violazioni per più di € 2.000.000 Un soggetto è stato denunciato per il reato di trasferimento fraudolento di valori;

CONTRASTO AI TRAFFICI ILLECITI E CONCORSO AL MANTENIMENTO DELL’ORDINE E DELLA SICUREZZA PUBBLICA E’ stato sequestrato mezzo chilo di cocaina ed eroina, con la denuncia di 15 soggetti di cui 10 arrestati; Nell’attività del contrasto al falso nummario sono state sequestrate 330 banconote false. Diversi sono stati gli interventi della componente navale finalizzati alla tutela del territorio e dell’ambiente; in tale contesto sono stati effettuati 3 sequestri: 2 per occupazione abusiva di area demaniale (un’area golenale di oltre 22.000 mq, una motonave ed pontile galleggiante alla quale quest’ultima era attraccata) ed un sequestro di un capannone di circa 8.500 mq, ricoperto da una tettoia di eternit, che versava in uno stato di degrado ed abbandono. La Guardia di Finanza assicura, inoltre, con il “117”, servizio di pubblica utilità attivo 24 ore su 24, e con le pattuglie ad esso dedicate, un costante “controllo economico del territorio”. Tale presidio si integra con quello già messo in atto dalle altre Forze di Polizia, con le quali il Corpo collabora in perfetta sinergia per il mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica. Al riguardo, nel 2016, sono state impiegate 1.464 pattuglie.

LE LINEE D’AZIONE PER IL 2017 Anche per il 2017, in ossequio all’Atto d’indirizzo del Ministro dell’Economia e delle Finanze, proseguirà e verrà rafforzata l’attività del Corpo nell’ambito dei 3 obiettivi strategici citati in premessa. La programmazione di quest’anno sarà articolata su 46 Piani Operativi (uno in più rispetto all’anno scorso). Verranno ulteriormente rafforzati i rapporti di cooperazione e scambio informativo con gli altri Enti ed Istituzioni impegnati nel settore nonché la collaborazione di polizia e mutua assistenza amministrativa in ambito internazionale. Il tutto nell’ottica di supportare le progettualità previste dalla riforma fiscale varata nel 2015 e tendente ad agevolare l’adeguamento degli obblighi tributari da parte dei contribuenti e favorire l’emersione spontanea delle basi imponibili.

22 Marzo 2017