il network

Mercoledì 14 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Case popolari, morosità da record: tanti 'furbi' non pagano da 10 anni

Situazione più grave del previsto, in alcuni casi gli arretrati arrivano a 15.000 euro

Case popolari, morosità da record: tanti 'furbi' non pagano da 10 anni

CREMONA - I controlli avviati sull’ammontare della morosità negli alloggi di edilizia di residenza pubblica (Erp) di proprietà del Comune sono arrivati a uno snodo cruciale e stanno portando alla luce una situazione che sembra andare oltre le previsioni più pessimistiche. Ci sono inquilini, sia italiani sia stranieri, che non pagano l’affitto da una decina di anni e che hanno accumulato, nel tempo, arretrati così pesanti da toccare, in più di un caso, la soglia dei 15.000 euro. Se, come sembra, si avrà la conferma che non si tratta di persone indigenti ma di ‘furbetti’ con un reddito, scatteranno le procedure di decadenza e lo sfratto.

Poche settimane fa era stata completata la prima fase dell’operazione in grande stile lanciata dall’amministrazione municipale. Dall’analisi era emerso che, nel 2016, degli 835 assegnatari delle case popolari dell’ente locale 148 (vale a dire, il 18 per cento) sono ‘morosi’. E lo sono totalmente, nel senso che che non hanno provveduto ad effettuare alcun versamento nel periodo compreso tra gennaio e maggio dell’anno scorso. Il che per le casse comunali significa un mancato introito, complessivamente, di 94.000 euro, a fronte di un fatturato, nel quadrimestre, di 611.000 euro. Numeri destinati a crescere considerando la morosità ‘parziale’, quella dei residenti in ritardo soltanto di alcuni mesi di affitto. Entrando nel dettaglio, è emerso che 58 delle 148 posizioni insolventi sono relative a inquilini già conosciuti e seguiti dai servizi sociali mentre le altre 90 - quindi, la netta maggioranza dei casi - non lo sono.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

20 Marzo 2017