il network

Domenica 20 Agosto 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Il vescovo 'volante' dal Pacifico all'aeroclub del Migliaro

Monsignor Capelli pilota un idrovolante per portare il Vangelo agli abitanti delle Solomon e si è esercitato nei cieli di Cremona

Il vescovo volante' dal Pacifico all'aeroclub del Migliaro

CREMONA - Si slaccia la cintura di sicurezza, apre la cabina e scende. L’ultraleggero bianco-azzurro atterrato sulla pista dell’Aeroclub Migliaro è moderno e nuovo di zecca, ma uno dei tanti; il pilota, invece, con la piccola croce al collo, è unico: monsignor Luciano Capelli, 69 anni, vescovo della diocesi di Gizu, alle Solomon, in Oceania, nel Pacifico, un paradiso formato da 992 isole, 365 delle quali abitate.

«Le isole sono distanti dai trenta ai duecento chilometri l’una dall’altra - dice - un territorio vastissimo, 18 abitanti per chilometro quadrato. All’inizio, per andare in mezzo ai miei fedeli e portare il Vangelo mi muovevo in barca, un fuoribordo. Ma il tragitto è lungo e pericoloso per le onde e il tempo molto variabile». E così, 7 anni fa, è nata l’idea dell’idrovolante. «I primi a parlarmene sono stati i miei amici di Sondrio. ‘Voi siete matti’, ho risposto». Un po’ ‘matto’ dev’esserlo anche il ‘vescovo volante’ («Non siamo in tanti, per me è un onore essere chiamato così»), che, dopo aver accettato la proposta e conseguito i tre brevetti necessari per diventare pilota, ha convinto la Cei ad acquistare il biposto. «Per percorrere 170 chilometri impiego un’ora e un quarto contro le 8 ore con la barca. Si risparmia anche sui costi della benzina».

In questo periodo monsignor Capelli è rientrato in Italia per sottoporsi ad alcune cure delicate («E’ andato tutto bene») e per provare il nuovo idrovolante, un Savannah, messo a disposizione sempre dalla Conferenza episcopale. «Mi dicevano che, dopo cinque anni, con quello vecchio era come giocare alla roulette russa». Si è esercitato al Migliaro con un istruttore d’eccezione come Graziano Mazzolari, titolare della Scuola italiana volo di Corte de’ Cortesi, che progetta e costruisce i galleggianti per gli ultraleggeri anfibi di tutto il mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

18 Marzo 2017