il network

Martedì 13 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Accoltellamento nel parcheggio, individuato il responsabile

Denunciato l'uomo che nella notte tra venerdì 3 e sabato 4 marzo ha aggredito un giovane di fronte al locale Juliette

Accoltellamento nel parcheggio, individuato il responsabile

Un'auto dei carabinieri

CREMONA - I Carabinieri del N.O.R. della Compagnia di Cremona, al termine di prolungate indagini, hanno proceduto all’identificazione dell’uomo che al culmine di un’aggressione ha accoltellato un giovane albanese. Si tratta di O.M. di anni 42, originario della provincia di Cagliari e domiciliato nel casalasco. La ricostruzione della vicenda ha permesso di chiarire che quella sera l’uomo si stava recando, in compagnia del figlio 20enne ed altri due amici, presso il noto locale cittadino. Mentre stavano per raggiungere l’ingresso, hanno incrociato altri due giovani tra cui I.A., 26enne di origini albanesi residente in città, il quale, conoscendo la ragazza in compagnia dell’aggressore, esprimeva alcune frasi che risultarono poco gradite. Subito si sono scaldati gli animi tra il genitore ed il giovane albanese che sono passati alle vie di fatto.

Nel corso della colluttazione O.M., probabilmente perché sopraffatto dal più giovane antagonista, ha estratto un coltello con cui ha inferto due colpi che hanno provocato al malcapitato “ferite da arma da taglio al polpaccio destro ed alla spalla sinistra”, come refertato presso il pronto soccorso dell’ospedale cittadino, con prognosi di 15 giorni. Nell’immediatezza i militari intervenuti si sono trovati di fronte ad una sorta di diffuso atteggiamento omertoso, in quanto i presenti non hanno fornito alcuna indicazione utile alla ricostruzione dei fatti. La vicenda, che poteva inquadrarsi in qualche regolamento di conti nell’ambiente dello spaccio di sostanze stupefacenti, di lì a poco ha offerto una chiave di lettura meno allarmante in quanto le investigazioni hanno permesso di poter affermare che si trattava di un’aggressione nata da futili motivi, raccogliendo elementi probatori determinanti all’individuazione del colpevole. L’uomo dovrà ora rispondere alla Procura di Cremona dei reati di lesioni personali aggravate e porto abusivo di coltello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

09 Marzo 2017

Commenti all'articolo

  • vittorio

    2017/03/10 - 09:09

    Girare con il coltello in tasca , chissà perché .

    Rispondi

  • Corrado

    2017/03/10 - 08:08

    ....bella gente, ritorno al Medioevo......

    Rispondi