il network

Martedì 20 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

La storia, da cinque anni dorme ai giardini: la storia del senzatetto di piazza Roma

Assiderato a gennaio, era stato salvato da due poliziotti che avevano sentito le invocazioni d’aiuto. Ora è ospitato alla Casa dell’Accoglienza, ma il 51enne romeno vuole tornare al suo giaciglio di cartoni

La storia, da cinque anni dorme ai giardini: la storia del senzatetto di piazza Roma

La casetta del custode ai giardini di piazza Roma

CREMONA - Salvato a gennaio dall’assideramento ai giardini pubblici, è stato ricoverato in ospedale e poi ospitato alla Casa dell’Accoglienza. Ma con la fine della stagione più fredda, il letto e i muri cominciano a stare stretti al senzatetto 51enne che ormai da cinque anni vive in piazza Roma per necessità, ma anche per scelta. L’uomo, romeno, si arrangia con un giaciglio di cartoni nei pressi della ex casetta del custode e rifiuta ogni offerta di alloggio. Quando gli operatori non riescono a convincerlo a trovare un riparo alla Caritas, dove ha trascorso i due ultimi inverni, il 51enne vive all’aria aperta, usa i bagni pubblici per i bisogni e per darsi una lavata e sopravvive con i pacchi alimentari che va a ritirare a giorni fissi. Ma questa routine è stata stravolta dalla notte di gelo di gennaio. Quando nei primi giorni dell’anno due poliziotti hanno sentito le sue invocazioni di aiuto, ormai fioche, il clochard aveva, infatti, le mani e i piedi ormai anneriti e non muoveva più le dita. Inoltre si era tagliato con un coltello, staccandolo completamente, l’alluce del piede destro. E oggi deve usare le stampelle per muoversi e deve farsi medicare con regolarità la ferita. Una condizione che potrebbe spingere il clochard ad accettare quella sistemazione che ha sempre rifiutato, preferendo il giaciglio di cartoni. Ma gli operatori dell’Unità di strada della Croce Rossa e della Casa dell’Accoglienza non si fanno troppe illusioni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

05 Marzo 2017

Commenti all'articolo

  • DAVIDE

    2017/03/06 - 20:08

    Oltretutto l'individuo si colloca nella casetta dei bambini - bambini! Non si dica che non sa dove andare: ci solo altri posti, ma lui ama stare li, e vi riceve visite anche.

    Rispondi

  • arcelli

    2017/03/06 - 13:01

    Un beneficio per tutti importare gente cosí. I laureati che van a vivere in UK e in altri paesi e i disperati che vengon qua. Tanto le cure sono gratis!!!! Non ho pietá per gente cosí che vuole esser feccia e parassita per scelta. Comoda la vita!! Vada a far il barbone in Romania:scommettiamo che là sarebbe stato pure arrestato??

    Rispondi