il network

Lunedì 24 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

E' scontro totale tra il Comune e Germanà Ballarino

L’ex comandante della polizia locale aveva presentato causa al giudice del lavoro. La giunta si costituisce in giudizio

E' scontro totale tra il Comune e Germanà Ballarino

Germanà Ballarino e il municipio di Cremona

CREMONA - Mediazione zero: sarà scontro in tribunale fra il Comune e l’ex comandante della polizia locale, Fabio Sebastiano Germanà Ballarino, che aveva presentato causa al giudice del lavoro nelle scorse settimane. E mercoledì 22 febbraio, in vista della prima udienza già fissata il prossimo 11 aprile, la giunta ha deciso di resistere costituendosi in giudizio attraverso la propria avvocatura, nello specifico con il legale Enrico Cistriani. L’ufficiale cremonese, che ha guidato la municipale dal 2009 al 2014, lamenta nei nove mesi successivi alla cessione del comando a Pier Luigi Sforza, scelto dall’amministrazione Galimberti come numero uno del Comando di piazza Libertà, un impiego in attività che «sottindevano e presupponevano conoscenze e competenze che non hanno nulla a che vedere con quelle di grado elevato utilizzate negli anni precedenti». In sostanza, un demansionamento. Con Germanà Ballarino che sostiene di essersi ritrovato a rispondere al telefono. «E soltanto dopo quei nove mesi e un anno di trattative - aveva spiegato il legale che assiste l’ex referente principali dei vigili cremonesi, Massimiliano Cortellazzi - abbiamo ottenuto un ruolo più rilevante, all’infortunistica». E come sempre accade in casi simili, nell’istanza presentata al giudice del lavoro è stata anche indicata una richiesta di risarcimento, quantificata in duecentomila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

22 Febbraio 2017

Commenti all'articolo

  • DAVIDE

    2017/02/22 - 20:08

    Il demansionamento in genere è stupido in quanto: - non riduce i costi per l'ente - può provocare cause da parte dipendente che se vinte dal datore di lavoro sono per lo stesso un costo, seppure limitato; se perse dal datore di lavoro sono un grosso costo e fonte di forti disagi interni, e quindi altri costi. Se un dipendente non è adeguato, lo si licenzia, se ne sussistono le cause... Nella fattispecie è una cosa mal impostata e peggio gestita da questa giunta, more solito

    Rispondi

  • vittorio

    2017/02/22 - 15:03

    Povero ex comandante , ma non leggo di un ridimensionamento dello stipendio ! Cosa c'è da risarcire con 200000 euro frutto delle tasse dei cittadini?

    Rispondi

    • mario

      2017/02/22 - 16:04

      Il disagio di sentirsi non più un superuomo, ma un comune mortale

      Rispondi