il network

Mercoledì 29 Marzo 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Spacciava nei pressi della scuola e dell'oratorio, arrestato

Si tratta di un migrante del Gambia ospite della vicina Casa di Accoglienza della Caritas

Spacciava davanti alla Campi e all'oratorio di Sant'Abbondio, arrestato

L'intervento dei carabinieri

CREMONA - Al termine di specifico servizio finalizzato al contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, nel primo pomeriggio di lunedì 13 febbraio i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Cremona, hanno arrestato un migrante ospite della Casa di Accoglienza di via S. Antonio del Fuoco. L’uomo, originario del Gambia ed in Italia dal febbraio del 2015, è stato sorpreso dai militari subito dopo aver ceduto una dose di 'hashish' ad un tossicodipendente del luogo, con scambio nei pressi della Scuola Media Campi e dell’oratorio Sant’Abbondio. La successiva perquisizione eseguita nella stanza in suo uso, ha permesso di rinvenire e sequestrare altri 8 grammi della medesima sostanza stupefacente già suddivisa in dosi e la somma di 800 euro, provento della pregressa attività di spaccio. Le successive indagini hanno permesso di localizzare altri cinque tossicodipendenti che poco prima avevano acquistato da lui sostanza stupefacente ed in virtù dell’aggravante di aver svolto l’attività di spaccio nei pressi di istituto scolastico, Barrow Modou di anni 26, su disposizione del pm Laura Patelli, è stato associato alla Casa Circondariale di Cremona in attesa della convalida dell’arresto. Tutti gli acquirenti identificati sono stati segnalati alla Prefettura di Cremona per l’avvio delle procedure amministrative previste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

14 Febbraio 2017

Commenti all'articolo

  • renzo

    2017/02/15 - 11:11

    Certo se non c'è la domanda chiaramente non c'è neanche l'offerta, solo che certa gente impara alla svelta come adattarsi, io personalmente non saprei neanche da che parte cominciare...

    Rispondi

  • gianfranco

    2017/02/14 - 21:09

    rimane sempre il punto, che questi spacciano ai nostri figli di papà che li foraggiano e sono ben contenti di andare fuori di testa.

    Rispondi

  • Antonio

    2017/02/14 - 14:02

    Ottimo, facciamone arrivare ancora di queste risorse!

    Rispondi

  • mario

    2017/02/14 - 13:01

    Ittaliani rassisti... cibo no buono, no uai fai, no soldi, io vende droga....

    Rispondi

  • Nicola

    2017/02/14 - 11:11

    Vabbè, poverino! Cosa doveva fare? Il muratore? Il falegname? Il sarto? Mica sarà venuto in Italia a cercare lavoro! Vitto e alloggio garantito, sarà mica scemo a lavorare...!

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000