il network

Domenica 23 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Blitz al Violino, condannato a 5 mesi di lavoro di pubblica utilità

Alessandro Francesco Azzali, militante del Kavarna, la sera del 25 settembre 2013 entrò all'interno del ristorante di via Sicardo e gettò sui clienti secchiate di feci misto a letame

Blitz al Violino, condannato a 5 mesi di lavoro di pubblica utilità

Il palazzo di corso Vittorio Emanuele II 'blindato' dalle forze dell'ordine

CREMONA - È stato condannato a 5 mesi di lavoro di pubblica utilità Alessandro Francesco Azzali, 27 anni, militante del Kavarna che in concorso altri mai identificati, la sera del 25 settembre del 2013 fece in blitz all'interno del Ristorante Il Violino di via Sicardo e getto' sui clienti secchi di feci misto a letame. Una protesta " contro il sistema carcere". Accusato di imbrattamento e di lesioni cagionate a Luca Babbini, titolare del ristorante che lo insegui e lo bloccò in via San Gerolamo prima dell'arrivo dei carabinieri, Azzali è stato inoltre condannato a risarcire i danni allo stesso Babbini, parte civile con l'avvocato Michela Soldi: il giudice di pace, Daniela Badino, ha fissato una provvisionale di 5 mila euro, il resto sarà liquidato nel separato giudizio civile. L'udienza, la seconda, si era aperta alle 10,45 nel palazzo di corso Vittorio Emanuele, dove ha sede l'ufficio del Giudice di pace, blindato dalle forze dell'ordine dentro e fuori. All'esterno il presidio di un gruppetto di militanti, nove in tutto, ha affisso uno striscione con la frase celebre di De Andre': "Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior', Soddisfatto l'avvocato di parte civile, Michela Soldi, che attende di leggere la motivazione della sentenza per poi procedere con la causa civile tesa ad ottenere il risarcimento del danno complessivo stimato in venti mila euro. Sergio Pezzucchi, storico avvocato dei militanti dei centri sociali, circa l'accusa di imbrattamento aveva sostenuto che ' la prova di responsabilità c'era a titolo di concorso, anche se Azzali non era entrato nel ristorante". Il difensore aveva soprattutto chiesto il riconoscimento dell'attenuante dell' aver agito per motivi di alto valore morale e sociale " visto che - ha spiegato - si trattava di una protesta tesa a denunciare l'accentuarsi delle diseguaglianze sociali durante la crisi tra ricchi e poveri'. Quanto al reato di lesioni, il difensore aveva chiesto l'assoluzione per non aver commesso il fatto," perché a mio giudizio, il dibattimento non ha in alcun modo provato che le lesioni siano state provocate dall' Azzali'.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

19 Gennaio 2017

Commenti all'articolo

  • gianfranco

    2017/01/21 - 21:09

    gli altri quattro coglioni che erano con questo mononeurone, sono gli sfigati che hanno appeso ieri il cartello in loro difesa, e ci hanno fatto spendere una cifra esagerata visto il personaggio, in carabinieri, polizia e vigili, altro che cinque mesi di lavori di pubblica utilità, cinque mesi di legnate, a lui e a tutta la banda di deficienti.

    Rispondi

  • mario

    2017/01/20 - 10:10

    Ma che cavolo di pena è????

    Rispondi

  • sergio

    2017/01/19 - 17:05

    certo che fare l'avvocato difensore di gente come Azzali (e i kavernicoli tutti, visto che lo fa da anni) deve essere dura. Ogni volta mettersi la colla sulle mani e tentare l'arrampicata sugli specchi, sentire le loro versioni dei fatti (ultimamente sembra che vedano dei film fantasy dove loro sono dei cavalieri senza macchia e con un po' di paura e gli altri sono tutti dei bruti) , trovare il coraggio di ripeterle davanti a gente ragionevole (i giudici, spesso), tornare a casa la sera con la sola certezza di aver fatto il proprio lavoro, senza che questo abbia un nesso con la verità, con la costruzione di qualcosa di buono. E ricominciare la mattina dopo. Certo, ci sono anche gli avvocati dei pedofili assassini. Ma questi è evidente che stanno solo cercando di abbassare una pena, non hanno la pretesa di vincere la causa. Questo qui invece sì. Questo è l'assurdo

    Rispondi

  • vittorio

    2017/01/19 - 15:03

    Allora cosa dovremmo fare , tutti noi con una macchina normale , mettere i chiodi sotto le ruote dei SUV ? E' questa un ' altra prova di ALTO VALORE SOCIALE ?

    Rispondi