il network

Martedì 25 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


BASSA PIACENTINA

'Ndrangheta, "Fuori i giornalisti". E l'antimafia dice no

Processo Aemilia, istanza dei 140 imputati fra cui cremonesi e piacentini. Chiedono udienze a porte chiuse: "Ma non ci sono le condizioni"

'Ndrangheta, "Fuori i giornalisti". E l'antimafia dice no

L'ingresso dell'aula dove si tiene il processo Aemilia

CASTELVETRO - Un processo ‘a porte chiuse’ e un ‘bavaglio’ alla stampa: è quello che vogliono i 140 imputati del processo Aemilia, il più importante della storia contro le infiltrazioni della ‘ndrangheta al Nord e che vede al banco anche persone residenti a Castelvetro, a Cremona, nel Cremonese, nel Casalasco. Pure a nome loro, martedì 17 gennaio in aula, ha parlato da dietro le sbarre Sergio Bolognino: ha letto l’istanza comune rivolgendosi al presidente della corte di Reggio Emilia, Francesco Maria Caruso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

18 Gennaio 2017