il network

Lunedì 19 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


LA STORIA

Stabile, il chirurgo che dona il sorriso agli ultimi

Al medico cremonese, primario a Piacenza, consegnata la ‘Menzione d’Onore’ per la sua opera gratuita in Paraguay a favore dei pazienti con gravi patologie

Stabile, il chirurgo che dona il sorriso agli ultimi

Il chirurgo Marco Stabile

CREMONA - Le sue mani hanno ridato il sorriso alla mamma di una bimba operata al labbro leporino e a molti ammalati. Come una una donna con neurofibromatosi del volto («la chiamavano elephant woman») che lo ha ringraziato dopo l’intervento. Sono due dei ricordi «più emozionanti» del chirurgo Marco Stabile, 54 anni, di Cremona, specialista in Chirurgia plastica, direttore della nuovissima Unità operativa di Chirurgia Plastica dell’ASL di Piacenza che ha aperto nel luglio dello scorso anno, giramondo per missioni umanitarie, al quale, il 6 gennaio scorso, è stata conferita la prestigiosa Menzione d’Onore per il ‘Premio della Bontà 2016’, da Jonathan Papamarenghi, sindaco di Rustigazzo, frazione nel comune di Lugagnano val D’Arda. La cerimonia si è svolta nella chiesa parrocchiale dedicata a Santa Maria Assunta. Stabile è fondatore e attualmente presidente dell’Aicpe onlus, associazione italiana di Chirurgia plastica estetica che opera gratuitamente a favore di pazienti con gravi patologie, ma che non riescono a sostenere i costi economici per curarle e per trovare una serenità psicologica. La motivazione della menzione: «Per il costante impegno a dare nuova speranza e nuova vita a chi, privo di mezzi economici, versa in gravi condizioni di salute». Il progetto a cui il chirurgo cremonese aderisce da tempo, si chiama ‘Chirurgia che cambia la vita’ e dall’inizio del 2016 ha aiutato quasi 300 persone in Paraguay. Ed è qui che Stabile ha collaborato al programma del dottor Bruno Balmelli, direttore del Centro nazionale ustionati di Asunciòn, cuore pulsante del Paraguay.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

09 Gennaio 2017