il network

Lunedì 19 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


SONCINO

'Terrone di un vigile', insulti al vigile volontario

Lettieri: offese da alcune mamme fuori da scuola per le auto in sosta vietata

'Terrone di un vigile', insulti al vigile volontario

Lettieri davanti alle elementari

SONCINO - Insulti di stampo razzista ai ‘nonni vigili’, ed è polemica nel borgo. Luigi Lettieri è un milanese che si è trasferito a Soncino con la famiglia di origini napoletane. Volontario a tempo pieno, ogni giorno aiuta i bimbi a uscire da scuola, ma ora non ne può davvero più: «Mi sconvolge la cattiveria di alcune mamme. Non mi era mai capitato in tutta la mia vita di sentirmi dare del ‘terrone schifoso’ da una signora. E’ agghiacciante». Attualmente disoccupato, colpito in passato da un gravissimo lutto che lo ha convinto a dare tutto se stesso al volontariato al servizio dei bambini, Lettieri è l’idolo dei piccoli studenti. Anche la maggior parte della mamme e dei papà, a dire il vero, lo apprezza e lo stima ma ci sono anche alcuni genitori che di avere «un nonno vigile ‘terrone’», non ne vogliono proprio sapere. La maggior parte degli insulti che il volontario racconta di aver ricevuto, anche negli ultimi giorni, sono irripetibili: «Terrone di m...a, fatti i c...i tuoi napoletano» e molto altro ancora. Ora il ‘nonno vigile’, che solo il mese scorso è stato premiato e applaudito da centinaia di cittadini in filanda quando ha ritirato insieme ai colleghi il premio di ‘Soncinese dell’Anno’, è arrivato allo stremo: «Una mattina, dopo l’ennesimo insulto ricevuto per aver cercato di far spostare un’auto parcheggiata in una posizione pericolosa, ho lanciato la paletta per terra e sono tornato a casa —racconta Lettieri —. La cosa ironica, tra l’altro, è che mi danno del ‘terrone schifoso’ e io sono milanese».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

22 Dicembre 2016

Commenti all'articolo

  • Giampaolo

    2016/12/23 - 20:08

    La mentalità razzista di molti cittadini di questo bellissimo borgo, ormai fà storia. Prima la bambola gonfiabile, seconda le offese ai vigili nonni, la terza la xenofobia e le ingiurie al vigile volontario. Siamo in presenza di razzismo conclamato e dilagante, dove gli amministratori leghisti, nulla fanno per evitare questa deriva fascioleghista. Sono solo capaci di sprolocquiare ed aizzare le persone contro i diversi, da loro che sono solo degli energumeni in CAMICIA NERAVERDE.

    Rispondi

  • NICOLA

    2016/12/23 - 17:05

    Misera gentaglia con la nebbia ed i fumi del letame dentro al cranio, che non vede al di là del portico della propria cascina. Poveracci!!!

    Rispondi