il network

Sabato 17 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


BASSA PIACENTINA

Sequestro record di droga, oltre 420 chili

Marito e moglie arrestati con 5 milioni di hashish destinato anche al Cremonese

Sequestro record di droga, oltre 420 chili

L'Arma con parte della droga sequestrata

BASSA PIACENTINA - Sequestro di droga record nel Piacentino, ma che non ha precedenti neppure nelle province limitrofe dove quasi certamente sarebbero state distribuite le dosi: i carabinieri del nucleo investigativo hanno intercettato 421 chili e 600 grammi di sostanze stupefacenti, nello specifico hashish per un valore complessivo di circa 5 milioni di euro, che erano in transito sull’autostrada A21 e che sono stati fermati al casello della città emiliana. Visto il grandissimo quantitativo, gli inquirenti suppongono che il ‘rifornimento’ servisse anche per i territori di Cremona e Lodi. Ipotesi avvalorata dal fatto che, proprio pochi giorni fa con la conclusione dell’operazione Myocastor, era stato confermato l’altissimo numero di assuntori (238 i segnalati) che ogni giorno varcano il ponte di Po di Cremona e Castelvetro per comprare droga nella provincia emiliana. Il blitz è scattato la scorsa notte lungo la via Emilia: i corrieri della droga, un uomo e una donna di 61 e 47 anni entrambi residenti in Piemonte, sono stati bloccati a bordo di un furgone pieno zeppo di scatoloni. E all’interno c’era la droga. La maggior parte confezionata in panetti (ognuno con marchi e timbri da verificare) mentre circa 50 chili erano già stati suddivisi in ovuli. E’ stato calcolato che ne sarebbero uscite 850mila dosi. Secondo le prime ipotesi investigative lo stupefacente arriverebbe dal Nordafrica, in particolare dal Marocco. «Vista la quantità è impensabile che la droga fosse destinata solamente a Piacenza — hanno spiegato ieri in conferenza stampa i carabinieri, fra cui il comandante provinciale tenente colonnello Corrado Scattarettico e il comandante del nucleo investigativo maggiore Massimo Barbaglia —. Stiamo ora cercando di capire a quali ‘piazze’ fosse destinata». Il sequestro, sommato ai recenti 37 arresti messi a segno dai carabinieri della compagnia di Fiorenzuola, conferma la massima attenzione dell’Arma allo scopo di fronteggiare la piaga dello spaccio. I coniugi arrestati nelle prossime ore compariranno davanti al giudice per il processo per direttissima e dovranno chiarire molti aspetti della vicenda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

22 Dicembre 2016