il network

Martedì 25 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Botti di Capodanno vietati: il sindaco firma l'ordinanza

Multe e rischio denunce, una scelta a tutela delle persone e degli animali

Botti di Capodanno vietati: il sindaco firma l'ordinanza

CREMONA - Il sindaco Gianluca Galimberti ha firmato l'ordinanza per la prevenzione dei rischi che derivano dall’impiego di botti e petardi in occasione dei festeggiamenti per il Capodanno 2017. Dal 29 dicembre 2016 e fino al 3 gennaio 2017 è tassativamente vietato fare esplodere botti o petardi di qualsiasi tipo in tutti i luoghi, pubblici o privati, in cui si svolgono manifestazioni pubbliche o aperte al pubblico, di qualsiasi tipo, nonché all’interno ed entro un raggio di 200 metri da ospedali, case di cura, comunità varie, e ricoveri di animali. Gli organizzatori delle feste dovranno assicurare un'adeguata informazione e un’assidua sorveglianza perché siano rispettate tali misure avvertendo tempestivamente, se del caso, le forze dell’ordine.

Per coloro che non rispettano le disposizioni contenute nell'ordinanza è prevista una sanzione fino a 150 euro, fatta salva la denuncia all’Autorità Giudiziaria se il fatto fatto assume rilevanza penale. Anche se a Cremona non sono mai stati segnalati infortuni significativi legati al lancio di botti, l'Amministrazione comunale, particolarmente attenta al problema, vuole prevenire danni alle persone provocati dall'utilizzo maldestro di tali prodotti. L’ordinanza sui botti, così come è stata formulata quest'anno, si inserisce in un percorso che l’amministrazione ha intrapreso per arrivare alla stesura del Regolamento per il benessere degli animali che conterrà alcuni elementi importanti anche in merito alla presenza dei circhi in città, cogliendo la sollecitazione della petizione popolare promossa dalle associazioni animaliste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

21 Dicembre 2016