il network

Sabato 22 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Ricorso Ecoplant, anche il Comune 'resiste'

La giunta ha deciso di costituirsi in giudizio al Tar di Brescia al fianco della Provincia

Ricxorso Ecoplant, anche il Comune 'resiste'

Il sopralluogo della polizia locale la scorsa estate nella pertinenza interna della Ecoplant

CREMONA - Torna sotto i riflettori la vicenda Ecoplant, la società di smaltimento rifiuti che aveva richiesto alla Provincia, con domanda presentata lo scorso maggio, di modificare sostanzialmente l’Aia già rilasciata nel 2013 alla ditta Crea — poi acquisita dalla srl — per lo stoccaggio per inserire una nuova linea di recupero e trattamento di rifiuti nell’impianto di via Riglio. Risposta negativa, allora. Motivo: ‘Il progetto — avevano scritto i funzionari competenti — risulta ricadente all’interno di area con criterio identificativo escludente per la localizzazione di nuovi impianti e per la modifica degli esistenti dal Programma Regionale di Gestione dei Rifiuti e delle Bonifiche’. Tradotto: lì, a due passi dal Po, non si può fare. Si era accodato il Comune. Ma contro l’una e l’altro, la società ha presentato ricorso al Tar. E adesso, dopo la costituzione in giudizio contro quel ricorso da parte della Provincia, anche il Comune compie il medesimo passo davanti alla sezione di Brescia del tribunale amministrativo regionale della Lombardia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

21 Dicembre 2016