il network

Domenica 18 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Piscina, la Fin non ha pagato la fornitura di acqua

Dal 2012 al 2016 per gli spogliatoi al servizio dell'impianto olimpionico: non segnalato il nuovo allaccio, danno da 30mila euro

Piscina, la Fin 'non pagava' la fornitura di acqua

L'ingresso della piscina comunale di Cremona

CREMONA - Proprio - e forse non a caso - alla vigilia della commissione Vigilanza che martedì 20 dicembre tratterà il futuro della piscina e, nelle pieghe di quel tema, anche dei veleni che da tempo contraddistinguono i rapporti tra amministrazione e Fin, emerge un nuovo, potenzialmente deflagrante, fronte di scontro fra Comune e federazione: secondo verifiche eseguite dalla Municipalità in sinergia con Padania Acque, l’attuale gestore in proroga degli impianti natatori di piazzale Atleti Azzurri d’Italia non avrebbe pagato la fornitura di acqua dei nuovi spogliatoi dal 2012 in avanti e lo avrebbe fatto non dichiarando - come invece avrebbe dovuto fare da convenzione - l’apertura della relativa conduttura e del collegato contatore. Si ragiona complessivamente, vale a dire sui quattro anni al vaglio, di circa trentamila euro. Una cifra tutto sommato limitata rispetto all’ammontare totale delle utenze che, sempre da accordi, il gestore riconosce all’anno all’ente. Ma come è facile intuire, nonostante il comitato regionale di Fin si sarebbe già detto disponibile a coprire lo ‘sbilancio’, pur esprimendo perplessità sugli arretrati, non è tanto l’entità economica del nuovo ‘caso’, quanto il principio dell’accaduto, a rappresentare, visto anche il clima già teso, un nuovo capitolo di attrito. Forse anche più significativo di quelli che lo hanno preceduto. Forse anche determinante in funzione delle scelte che già si affacciano all’orizzonte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

18 Dicembre 2016